Un italiano in corsa per gli Oscar. Si chiama Filippo Meneghetti ed è il regista di Due. Film che rappresenterà la Francia per la vittoria della statuetta come Miglior Film Straniero 2021. “Si tratta di una decisione che ha sorpreso tutti, premiando un esordiente italiano contro registi d’oltralpe più celebri e blasonati, ma che d’altra parte conferma l’eccezionale riscontro internazionale ottenuto dal film”, spiegano sfregandosi le mani da Teodora, i distributori italiani del film. La “prima” del film di Meneghetti ebbe luogo nell’oramai lontano settembre 2019, poi passò dalla Festa di Roma, infine a Rotterdam a gennaio 2020.

L’uscita italiana era prevista per il 5 novembre 2020, ma le nuove misure antiCovid hanno rimandato a data da destinarsi la visione su grande schermo. Intanto Due è stato venduto in mezzo mondo, Stati Uniti compresi con uscita prevista per il 5 febbraio 2021. Meneghetti ha messo in scena una storia d’amore tra due donne mature, una coppia di attrici leggendarie – Barbara Sukowa e Martine Chevallier – dove il dramma si fonde ad una certa suspense hitchcockiana. In una grande città del Sud della Francia, Nina e Madeleine, vicine di casa nello stesso pianerottolo all’ultimo piano, si amano in segreto da decenni, ma nessuno compresi figli, inquilini del palazzo e il circondario, ne ha mai saputo nulla. Così quanto un evento imprevisto impedirà a Madeleine di pronunciare parole, sua figlia scoprirà il segreto mai confessato, ma sarà anche Nina a riconquistare il posto che “non aveva perso mai”.

Meneghetti ha 40 anni, è padovano ed è con Due all’opera prima, dopo una serie di cortometraggi prodotti tra Francia e Stati Uniti. Insomma, un talento registico nostrano che inspiegabilmente non ha trovato spazio nelle produzioni italiane. Italia, tra l’altro, che ancora veleggia in mare aperto alla ricerca del proprio titolo da candidare agli Oscar come miglior film straniero. In ballo sulla scrivania della sempiterna giuria segretissima di Anica, ci sono 25 titoli tra cui: Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo, Notturno di Gianfranco Rosi, Padrenostro di Claudio Noce, Pinocchio di Matteo Garrone, I predatori di Pietro Castellitto e Volevo nascondermi di Giorgio Diritti. I film stranieri in nomination verranno poi designati dall’Academy il 15 marzo 2021, mentre la notte degli Oscar, Covid permettendo, si terrà il 25 aprile 2021.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Specials, i registi di Quasi amici ripetono il piccolo miracolo

next
Articolo Successivo

Morta Valentina Pedicini, la talentuosa regista è scomparsa a 42 anni

next