Alla luce degli ultimi avvenimenti, i seguaci del Movimento Cinquestelle dovrebbero riconsiderare la quantità di invettive che in passato lanciarono contro chi proponeva una valutazione disincantata del loro oggetto di fede. A partire dal profeta idealizzato Beppe Grillo, che ormai si è dato alla macchia mentre è in atto una mutazione profonda della sua creatura.

Anche perché non saprebbe cosa dire al riguardo, in mancanza del contributo di un suggeritore; appartenendo con Maurizio Crozza alla tipologia dei comici genovesi che danno il meglio nell’interpretazione di testi predisposti da ghost writers professionali. Funzione che per il vate di Sant’Ilario è stata svolta da svariati suggeritori, fino all’incontro della vita con Gianroberto Casaleggio; il softwerista che operava nell’advertisement e aveva maturato una visione esoterica di Internet, come magia liberatoria di una nuova società dis-intermediata.

L’idea ingenua di sostituire i partiti con una piattaforma informatica su cui far esercitare la politica a non professionisti. Mentre nel frattempo i “signori del silicio” californiani e cinesi recintavano il web, trasformandolo nel panopticon che estrae pezzi di biografia a scopo commerciale dagli inconsapevoli utenti captive.

Da qui una visione palingenetica che la prova finestra della realtà si è fatta carico di spazzare via. Mentre ben più significativa è stata l’intuizione originaria – assolutamente in anticipo – che andava crescendo uno spazio critico verso gli aspetti liberticidi/suicidi della finanziarizzazione del mondo: la questione ambientale, la questione post-democratica, la questione partitocratica.

Temi già presenti nella kermesse grillina di Bologna-2007; esplosi a livello planetario solo nel 2011, a New York (Zuccotti Park) o a Madrid (Puerta del Sol): il movimento degli indignati, che avrebbe figliato i soggetti politici anti-establishment europei (Podemos, Syriza, Barcelona en Comù, il Partito Socialista portoghese rinnovato da Antonio Costa); avrebbe rivitalizzato l’esanime Left americana con nuovi protagonisti, che vanno da Bernie Sanders ad Alexandra Ocasio Cortez, testate fuori mainstream come Jacobin.

Spiace dirlo, ma l’ondata del decennio scorso è finita da tempo nel riflusso, in parte delegittimata dall’insistente campagna di demonizzazione – orchestrata dal coro all’unisono di media potenti e dei propri banditori – dell’indignazione per le politiche anti-popolari; anche mediante l’uso linguistico mistificatorio del termine “populismo”, ridotto a fantoccio polemico (per inciso, pare che perfino una pervicace anti-populista come Nadia Urbinati abbia iniziato a prendere le distanze da tale campagna ingannevole nel suo ultimo saggetto). In parte riorientata dalla capacità attrattiva, sulla base più oscurantista del fu-Movimento indignato, della propaganda sovranista/suprematista di Lega e dei neo-fascio-nazionalisti.

Fu-Movimento – quello 5S – che ora deve scegliere come evolvere in vista della maturità. Nodo che i suoi Stati Generali non hanno sciolto, dato che per ora le ipotesi strutturali espresse si riducono all’antinomia tra il neo-doroteismo di scuola napoletana (Gava family), impersonato per contiguità ambientale e culturale da Luigi Di Maio, e il guevarismo dell’Agro Pontino (intriso di umori destrorsi) di Alessandro Di Battista. Forse occorrerebbe ascoltare il premier neo-moroteo Giuseppe Conte, quando spiega ai suoi scavezzacolli pentastellati che le persone e i movimenti responsabili sanno rivedere i propri assunti.

E magari prendere spunto da esperienze affini; come quelle iberiche, dove Podemos, formazione programmaticamente anti-establishment, può stare al governo senza troppe remore con un partito della sinistra storica che, per retaggio di antichi vissuti, addiviene a sostenere l’attuale disegno, di stampo egualitario, per aumentare le tasse su redditi di oltre 300mila euro.

Insomma, il percorso per diventare a tutti gli effetti un soggetto riformatore (preciso: non riformista), in grado di mettere a frutto il suggerimento di Ada Colau, leader di Barcelona en Comù: “fare sinistra senza dichiararla”. Mentre potenti forze reazionarie si coalizzano per liquidare l’esperienza governativa 5Stelle. E a tale proposito non ci si riferisce certo a iniziative sul cabarettistico, come le trentamila baionette sguainate contro il governo dal manifesto di Luca “Hume” Ricolfi, quello cui schifa qualunque sentore di popolo, e del forza-leghista Giuseppe Valditara.

Secondo quanto riporta un foglio pregiudizialmente anti-governativo – quale Libero – armi improprie impugnate da valenti intellettuali. Nientepopodimeno che Mariastella Gelmini, Guido Crosetto, Carlo Calenda e Vittorio Sgarbi, con l’accompagnamento di Susana Tamaro, Dino Cofrancesco e Renato Mannheimer. Un vero Parnaso in armi!

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Minacce di morte a Casalino, il portavoce del premier Conte presenta denuncia alla polizia

next
Articolo Successivo

Mattarella: “Il virus tende a dividerci, basta polemiche scomposte per interessi di parte. Serve leale collaborazione tra le istituzioni”

next