Dipendenti – A marzo è stato esteso fino a dicembre 2021 il Kurzarbeitergeld, equivalente della cassa integrazione. Fino a fine anno il valore dell’assegno, in percentuale rispetto allo stipendio che si riceveva prima, è stato aumentato: dal quarto mese di cassa sale dal 60 al 70% per chi è senza figli e dal 67 al 77% per chi ne ha, dal settimo mese passa rispettivamente all’80 e 87% della retribuzione precedente.

Imprese e autonomi – Dopo l’annuncio del lockdown light, iniziato il 2 novembre, il governo Merkel ha annunciato lo stanziamento di 10 miliardi per le attività colpite e anche i lavoratori autonomi danneggiati. Chi è stato chiuso o può provare che l’80% dei suoi ricavi derivavano da imprese costrette a chiudere ha diritto al 75% dei ricavi medi di novembre 2019, fino a un massimo di 1 milione di euro. Per i ristoranti il rimborso è limitato ai ricavi da pasti consumati nel locale, mentre è esclusa la parte legata all’asporto, soggetto a un’aliquota Iva più bassa. Il governo sta negoziando con la Commissione Ue per ottenere il via libera a sussidi anche superiori a 1 milione. La richiesta va presentata attraverso un consulente fiscale, con l’eccezione degli autonomi che abbiano diritto a meno di 5mila euro: loro possono farla direttamente.
Durante la prima ondata erano invece stati offerti alle aziende con fatturato fino a 50 milioni, a condizione che avessero registrato cali di oltre il 60% in aprile e maggio rispetto agli stessi mesi del 2019, contributi una tantum a copertura di una quota (dal 40 all’80%) dei costi fissi come affitto, interessi, bollette, licenze, abbonamenti a internet, costi per commercialisti e consulenti sostenuti in giugno, luglio e agosto. L’aiuto poteva arrivare fino a 9mila euro per tre mesi alle attività con un massimo di 5 dipendenti, fino a 15mila euro per tre mesi a quelle fino a 10 impiegati, fino a 150mila euro per tre mesi alle più grandi. Per questa misura erano stati stanziati 25 miliardi. In settembre e ottobre il meccanismo è stato reso più generoso: è arrivato a coprire il 90% dei costi fissi per chi ha visto scendere i ricavi di più del 70%, fino a un massimo di 50mila euro mensili. E spetta anche a chi abbia subito cali delle vendite di almeno il 30% in media tra aprile e agosto.

Tasse – A luglio Berlino ha tagliato fino a fine anno l’aliquota Iva ordinaria dal 19 al 16% e quella ridotta dal 7 al 5%. Facendo domanda all’ufficio fiscale competente, le imprese danneggiate dal lockdown hanno potuto poi chiedere il rimborso degli anticipi pagati per i 2020 e dei pagamenti fatti per il 2019 e il rinvio dei versamenti.

Prestiti – Il governo ha creato un fondo da 400 miliardi per fornire garanzie sui prestiti e ha rifinanziato con oltre 350 miliardi i programmi di garanzia della Kfw, omologa di Cassa depositi e prestiti. Altri 100 miliardi sono stati destinati alle ricapitalizzazioni. Previsti poi per le pmi prestiti fino a 800mila euro con garanzia del 100% nell’ambito del KfW Special Programme.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Italia reddito reale delle famiglie giù del 7,2% nel II trimestre: il dato peggiore dell’Ocse. L’esperto: “Aiuti in ritardo e precari senza tutele”

next
Articolo Successivo

Bankitalia promuove le misure varate dal governo tra marzo e agosto: “I decreti hanno attenuato fortemente gli effetti della crisi”

next