Bloccato un cantiere da quasi un miliardo di euro, per risoluzione di contratto, al Brennero. Subisce uno stop traumatico, anche se in parte annunciato, la procedura di realizzazione della galleria di base, opera strategica per il collegamento ferroviario dell’Italia verso il centro Europa. La progettazione e realizzazione è affidata alla società per azioni Bbt Se, che ha ricevuto l’incarico dai due Stati confinanti, Italia e Austria. Ma l’affidatario, con cui è nato il contenzioso, è Arge H51, un raggruppamento composto dalle imprese Porr Bau GmbH, G. Hinteregger & Söhne Bau GmbH, Condotte S.p.A. e Itinera S.p.A. L’annuncio è stato dato da Bbt Se: “Nonostante le intense trattative e gli sforzi compiuti negli ultimi mesi, la Società della Galleria di Base del Brennero e l’affidatario non sono riusciti a trovare un accordo in merito alle controversie contrattuali nel lotto costruttivo H51 Pfons-Brennero”. Si tratta di un tratto di circa 15 chilometri, nella parte meridionale dell’opera in territorio austriaco. Complessivamente il traforo è lungo 64 chilometri (ma le gallerie in totale superano i 200 chilometri) e collegherà Fortezza con Innsbruck. Quando sarà ultimato (la previsione è per il 2028) sarà la più lunga galleria ferroviaria del mondo. Il valore del lotto è di 966 milioni di euro.

A portare alla drastica decisione è stato un contenzioso sulla modalità di realizzazione dei lavori, così spiegata da Bbt Se. “Il definitivo rifiuto di eseguire diverse prestazioni pattuite contrattualmente e la conseguente compromissione del rapporto di fiducia ci ha costretti, purtroppo, a procedere alla risoluzione del rapporto contrattuale con l’Arge H51. Anche alla luce della prospettata risoluzione del contratto, l’Arge H51 non ha cambiato la propria posizione”. E quindi dovrà partire una nuova gara d’appalto. “Per garantire che i lavori possano proseguire nel più breve tempo possibile, è stata già avviata una analisi di approfondimento sull’intero progetto al fine di addivenire il prima possibile alla nuova gara di appalto”, hanno spiegato i due amministratori di Bbt Se, Gilberto Cardola di parte italiana e Martin Gradnitzer di parte austriaca. I due manager nel settembre 2019 hanno sostituito sia Konrad Bergmeister, amministratore di parte austriaca, che Raffaele Zurlo, di parte italiana, dopo che quest’ultimo aveva avanzato pesanti accuse sulla crescita delle spese sul versante tirolese, con uno sforamento delle previsioni di oltre 200 milioni di euro.

Secondo Bbt Se, la risoluzione del contratto è stata “l’unica scelta possibile”. La società si è detta “fortemente amareggiata del fatto che il supporto offerto non sia stato accettato da Arge H51 e che ciò abbia portato a ritardi molto gravi nel lotto di costruzione Pfons-Brennero, che avrebbero potuto essere evitati se le prestazioni concordate contrattualmente fossero state eseguite”. Adesso i tempi si allungheranno, per un’opera

“Ora l’attenzione deve tornare dalle questioni giuridiche a quelle operative, perchè i lavori per il completamento del tunnel di base del Brennero devono concludersi entro questo decennio” hanno dichiarato il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, e il capitano del Land Tirolo, Günther Platter. “Ci aspettiamo chiarezza, e soprattutto una pianificazione concreta sul proseguo dei lavori. La società BBT SE deve fare tutto il possibile per recuperare i ritardi già presenti, perchè bisogna sgravare le popolazioni di Alto Adige e Tirolo dal peso del traffico di transito”.

Qualche mese fa l’opera, che è finanziata per il 50 per cento dall’Unione Europea, è finita nel mirino della Corte dei Conti europea che ha ipotizzato una moltiplicazione dei costi. Nel progetto 2002 erano indicati 4,5 miliardi di euro, nel 2009 erano saliti a 6,9 miliardi, ma ora le previsioni sono molto superiori. La ferrovia correrà sotto le montagne a un’altitudine di circa 725 metri (rispetto ai 1.400 metri della linea attuale che deve superare pendenze molto elevate) e questo comporterà una fortissima riduzione dei tempi (da 80 a 25 minuti per i Frecciarossa e 35 minuti per i treni merci da Fortezza a Innsbruck). E anche la possibilità di raddoppiare il numero dei convogli merci, che saranno anche più lunghi e assorbiranno gran parte della merce trasportata su gomma attraverso il Brennero.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, “dal 1 gennaio 2021 vietato fumare nei parchi, negli stadi e alle fermate dei bus”: la giunta Sala vuole mettere al bando il fumo

next
Articolo Successivo

Exxon Mobil la “nera”: 680 milioni di perdita, 14mila licenziamenti (130 in Italia) ma premia gli azionisti con 3,8 miliardi di dividendi

next