“Non lo voglio nascondere. Io sto a casa perché ho preso questo virus. Sto sotto controllo, ma ora ne ho capito che ha una forza devastante”. A dirlo è Lillo Petrolo del celebre duo comico “Lillo e Greg“. L’attore è intervenuto in collegamento via webcam nel corso del Festival del cinema di Salerno, Linea d’Ombra, e ha rivelato di aver contratto il Covid a causa di quella che definisce “una ‘stronzata’“.

″È una cosa che dura venti giorni con dolori fortissimi alle ossa e alle ginocchia; è un’influenza moltiplicata per dieci. Io so perché me lo sono preso, so di aver fatto una ‘stronzata’, non la rifarei, anche perché a causa di questa ‘stronzata’ me lo sono preso”, ha spiegato parlando con il direttore artistico Boris Sollazzo. Poi un appello: “Si può fare tutto, ma in sicurezza. Bisogna stare molto attenti. È un virus di una forza devastante”.

Non è successo al cinema”, ha tenuto poi a precisare Lillo parlando della causa del suo contagio, “il cinema rispettando le regole è un posto molto sicuro. C’è una distanza calcolata tra le persone, bisogna indossare la mascherine per tutta la proiezione. Ma se ti va di vedere un film al cinema lo puoi fare veramente senza alcun tipo di pericolo”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Il Signor Distruggere: “Mio padre trovato morto in bagno aveva la febbre e non riusciva a respirare”

next