Dopo le 18 nei bar di tutta Italia bisognerebbe stare seduti. Ognuno al proprio posto, mantenendo le distanze e, se non si sta mangiando o bevendo, indossando le mascherine. Una misura evidentemente poco chiara a Verona dove ieri la polizia è intervenuta per porre fine a una serata karaoke. Erano tutti intorno al microfono? Questo non è stato specificato, ma di certo mancavano le distanze e nel locale c’erano molti più clienti rispetto al numero consentito. Per questo gli agenti, arrivati sul posto grazie a una segnalazione fatta al 113, hanno disposto la chiusura per cinque giorni del locale.

Ma non solo. Oltre al canto “fuori-regola”, i poliziotti hanno visto il proprietario del bar distribuire drink oltre l’orario di chiusura, e farlo, per di più, senza aver indossato la mascherina. Insomma, la serata “divertimento“, in barba alle norme anti-Covid, si è trasformata in una débâcle.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Toni assalito e derubato in casa: “Erano tre malviventi, indossavano passamontagna e avevano armi”

next
Articolo Successivo

La confessione di Andrea Damante a Verissimo: “Con Giulia De Lellis sognavo una famiglia. La nuova relazione? L’ho saputo dai social…”

next