La recrudescenza della pandemia da Covid 19 fa un’altra vittima: è la prima edizione del Milano Monza Motor Show, che avrebbe dovuto svolgersi dal 29 ottobre all’1 novembre. E che, invece, è stata rimandata a primavera del 2021. L’organizzazione aveva previsto apposite misure di sicurezza per contrastare il rischio di contagio, ma l’aggravarsi della diffusione del virus sul territorio nazionale ha reso comunque necessaria la posticipazione dell’evento.

“Decidiamo di rinviare la 1 edizione di MIMO e sentiamo la responsabilità di parlare a nome delle case automobilistiche”, ha detto Andrea Levy, presidente MIMO (acronimo del nome della manifestazione): “Il comparto automobilistico, fortemente colpito negli ultimi mesi, avrebbe giovato della visibilità di pubblico e media garantiti dallo svolgersi dell’evento, e nonostante questo si mostra compatto nel far prevalere il senso di responsabilità per una situazione che necessità l’attenzione di tutti”.

La decisione di rimandare l’evento è un atto di puro buon senso, visto che il Mimo aveva ricevuto tutte le autorizzazioni da parte delle istituzioni preposte affinché la manifestazione potesse avere luogo. Tuttavia il comitato organizzatore, dopo aver consultato le case automobilistiche e il Comune di Milano, ha deciso comunque per il rinvio alla primavera del 2021 la prima edizione della manifestazione, nata dalla ceneri del Parco Valentino – Salone dell’Auto di Torino.

Da parte sua l’assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita del Comune di Milano, Roberta Guaineri, ha ringraziato gli organizzatori ed espositori “per l’impegno profuso finora nella preparazione di questa manifestazione e per il senso di responsabilità di questa decisione. Un arrivederci a presto nella nostra bella Milano”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Renault, Luca De Meo progetta il rilancio di Alpine. “E’ una piccola Ferrari”

next
Articolo Successivo

Fca-Psa, passi avanti verso la fusione. L’Ue sta per approvare il matrimonio

next