“Tossisco, non riesco neanche a rappare“. Shade ha il coronavirus. È stato lo stesso cantante torinese ad annunciarlo con un post pubblicato su Instagram: “Sapete che sono stato parecchio male nei giorni scorsi, mi sono messo in isolamento preventivo e ho scoperto di essere positivo al Covid-19“, ha scritto. “Nella percezione comune questo virus attacca solo persone anziane o con patologie pregresse eppure io sono giovane, mi alleno quasi tutti i giorni, e vi garantisco che ci sono stati momenti in cui a fatica mi sono riuscito ad alzare dal letto e in cui perfino respirare bene mi sembrava la cosa più difficile del mondo – ha spiegato Shade mettendo in guardia i suoi followers sull’importanza di non sottovalutare il virus -. Mi reputo fortunato, ora mi sento molto meglio e spero che per me il peggio sia passato, rimarrò in quarantena finché non sarò negativo. Vi invito solo a mettere la mascherina e a rispettare le norme igieniche, fatelo per voi e per i vostri familiari”.

Le sue parole però non sono evidentemente bastate a mettere a tacere tutte le malelingue, tanto che nelle sue stories è dovuto intervenire nuovamente per smentire tutti i complottisti: “Leggo commenti di complottisti: sostengono che io non abbia il covid e che Conte mi abbia chiesto di dirlo. Giuseppe se mi vuoi chiamare fallo, ma se mi dici un orario…che sia quello”, ha scherzato.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’addio a Veronica Franco, funerale sulle note della sua “Hallelujah”: “Abbiamo pianto tutti”

next
Articolo Successivo

Fabrizio Corona pubblica il referto del suo tampone positivo al Covid: “Anche Carlos è positivo”

next