Una festa “folle” in barba alle norme anti-Covid. È quanto si è trovata davanti la polizia di Londra giovedì 13 ottobre quando è intervenuta durante una cerimonia nuziale al Tudor Rose di Southall per sgomberare il locale. Oltre 100, secondo gli agenti, le persone invitate. Una festa che è costata cara: il proprietario del locale, infatti, ha ricevuto una multa di 10mila sterline per non aver fatto rispettare le norme anti-coronavirus che in Gran Bretagna permettono al massimo 15 invitati per cerimonia. Secondo quanto riportato dalla polizia, durante i festeggiamenti non c’era alcun distanziamento, né misura specifica per evitare il contagio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Muore a 74 anni e viene messo nella cella frigorifera: si risveglia dopo 24 ore, il fratello è indagato

next
Articolo Successivo

Orgia con 50 persone per girare un film hard: la polizia fa irruzione sul set

next