di Anna Maria Giannini*

Sabato si sono celebrati i funerali del piccolo di 11 anni morto suicida a Napoli in circostanze non ancora chiarite, apparentemente legate alle insidie della rete. Si parla, nel fascicolo della Procura, di istigazione al suicidio e la denuncia è contro ignoti. Saranno i risultati delle indagini della autorità preposte a fare luce. Le considerazioni che si possono fare al momento si concentrano sulle dinamiche del web, sui problemi cui può andare incontro un bambino di quell’età a contatto virtuale con meccanismi pericolosissimi.

All’età di 11 anni è ancora complesso separare in modo netto la realtà dalla fantasia e la suggestionabilità può essere molto elevata. Generalmente i bambini usano la fantasia per il gioco, per sviluppare le capacità creative e per avvicinarsi sempre più alle fasi in cui la realtà verrà colta nella sua distinzione dal mondo dei sogni e della fantasia. E’ dunque una via facile quella dell’approfittarsi di tali meccanismi per trascinare in modo criminale il bambino con manipolazioni non etiche e strumentali.

In questa area si collocano le sfide in rete, ma anche gli adescamenti, la pedopornografia che sfrutta i minori e la loro immagine. Il mondo della rete affascina bambini e adulti. Al di là del criminalizzare la rete stessa, ambiente invece molto utile se usato correttamente, in modo adeguato e con l’opportuno senso critico (soprattutto nelle età in cui non si è esposti al pericolo senza difese), dobbiamo soffermare la nostra attenzione sulla necessità di educare opportunamente mettendo in guardia dai rischi cui si può essere esposti.

Non è facile: oggi un genitore si trova a fronteggiare dimensioni davvero complicate e complesse. Un tempo bastava sorvegliare i propri figli nell’ambiente fisico, si diceva loro di non intrattenersi con gli sconosciuti, di non esporsi e si fornivano precisi perimetri spazio-temporali per la permanenza fuori casa che comunque avveniva con stretto controllo di luoghi e persone frequentate. Oggi i minori sono esposti ad un mondo aperto e senza confini: molto difficile da controllare. E non è possibile usare misure estreme perché creeremmo un senso di estraneità da un mondo che va in una specifica direzione.

Allora ecco che diviene fondamentale non lasciare sole le famiglie e fare in modo che le agenzie educative convergano e facciano rete nel sostenere un processo educativo di alfabetizzazione cognitiva ed affettiva del digitale. Conoscere i pericoli significa riconoscerli e comprenderne la portata. Se, come si ipotizza, il piccolo della tragedia avvenuta a Napoli si è trovato a gestire qualcosa di più grande di lui, se è stato trascinato in sfide o spinto a gesti estremi in preda al terrore, dobbiamo trarre alcune considerazioni ineludibili, quali la non procrastinabile necessità di porre la massima attenzione a questi rischi.

La Polizia Postale sta svolgendo un ottimo lavoro anche sul piano della prevenzione e lavora moltissimo con le scuole e con gli enti che sono preposti all’educazione. Non è facile perché certi meccanismi sono difficili da individuare e comprendere anche per gli adulti: chi mai avrebbe immaginato dinamiche in cui bambini vengono terrorizzati al punto da cercare la morte in sfide crudeli e cruente? Ecco che occorre rassicurare e proteggere ma anche rendere evidenti quali comportamenti devono destare sospetto e indurre a richiedere l’intervento degli adulti.

E’ molto importante non creare allarme e indurre paura bensì far comprendere che il mondo della rete e dei social è un mondo con le sue attrattive ma, come tutti gli ambienti, anche con rischi e possibili persone con cattive intenzioni, basta cogliere gli indicatori e parlarne con gli adulti. E’ un percorso che devono fare insieme, genitori, agenzie educative, psicologi, polizia postale, anche i media possono fare un ottimo lavoro attraverso una comunicazione finalizzata ed efficace.

Nessuna figura orrendamente trasformata e nessun Jonathan Galindo si devono impadronire delle emozioni più profonde dei nostri bambini. Spiace il collegamento e l’uso criminoso dei bellissimi personaggi Disney che sono da sempre legati a importanti valori educativi attraverso importanti azioni pedagogiche alle quali la Disney ha sempre guardato con attenzione e impegno.

*Psicologa e psicoterapeuta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Coronavirus non è solo un rischio ‘biologico’, ma un concetto nocivo che si insinua nelle menti

next
Articolo Successivo

Relazioni: tra il vero e il virtuale quel che sono vale più di quel che faccio

next