Cos’è accaduto il 3 ottobre 2013? Se dovessi fare questa domanda a un giovane studente delle scuole superiori, magari a un 18enne che ai tempi era in prima media, son certo che non saprebbe darmi una risposta.

La tragedia di Lampedusa, che provocò 368 morti accertati e 20 dispersi presunti, è già stata dimenticata. Venne etichettata come una delle più gravi catastrofi marittime del Mediterraneo: ma quanti altre persone hanno perso la vita in quel mare in questi anni?

A non dimenticare questa sciagura è il ministero dell’Istruzione e il “Comitato 3 ottobre”, che anche quest’anno hanno lavorato a un progetto finalizzato a rafforzare la consapevolezza e la conoscenza dei giovani in età formativa sui temi del fenomeno migratorio, dell’interdipendenza globale e dei diritti umani, dell’integrazione culturale e dell’accoglienza dei migranti, dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Da oggi al 3 ottobre, gli studenti provenienti da venti scuole italiane e diversi istituti provenienti da tutta Europa insieme ai superstiti e ai familiari delle vittime dei naufragi del Mediterraneo si ritroveranno proprio a Lampedusa. Con loro ci saranno gli abitanti dell’isola, giornalisti, esperti di immigrazione e Giovanna Boda, capo dipartimento del ministero di viale Trastevere in rappresentanza della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che parteciperà in videoconferenza.

L’obiettivo è quello di promuovere nelle giovani generazioni europee occasioni di apprendimento per favorire una cultura dell’accoglienza e della solidarietà al fine di contrastare intolleranza, razzismo e discriminazione e favorire processi di inclusione e inserimento sociale dei migranti.

Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, si è deciso di adottare misure prudenziali e restrittive per quanto riguarda la partecipazione degli studenti.

Ecco la vera educazione civica. Il ministero dell’Istruzione e il comitato 3 ottobre la fanno dal 2014, da quando hanno deciso e scelto di non lasciare che quella data fosse solo una sterile commemorazione davanti ad una corona d’alloro. Quella tragedia si è fatta vita, è entrata a far parte della storia di giovani ragazzi che parleranno di quel 3 ottobre agli amici, alla fidanzata, alla loro futura moglie, ai loro figli.

Ecco, il 3 ottobre è sabato, le scuole son chiuse ma venerdì 2 ogni scuola dovrebbe come ci insegna il ministero, fermarsi, fare una pausa, chiudere i quaderni e riflettere. Imparare dalle tragedie.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immuni, dal 15 ottobre l’app funzionerà anche fuori dall’Italia. All’inizio in Germania e Irlanda, poi nel resto dell’Ue

next
Articolo Successivo

L’omicidio dei fidanzati a Lecce è stato spietato. E basta dare la colpa alle rete o a genitori inetti

next