A partire da metà ottobre, Immuni ci avvertirà se siamo entrati in contatto con un caso Covid anche al di fuori dell’Italia. Stando a quanto apprende l’Ansa da alti funzionari della Commissione Ue, all’inizio la funzione sarà attiva in Germania e Irlanda, poi toccherà agli altri Paesi europei. Come? L’applicazione riuscirà a “parlare” con tutte le app gemelle sviluppate da ciascun membro dell’Unione. I tecnici la chiamano “interoperabilità“: Bruxelles sollecitò tutti gli Stati a tenerla in considerazione quando, in piena emergenza sanitaria, si iniziò a parlare della possibilità di sviluppare un sistema del genere per combattere la diffusione del coronavirus nel continente. E proprio questo è stato uno dei motivi che ha ritardato il debutto di Immuni, avvenuto nel giugno scorso a più di un mese dalla fine del lockdown.

La tecnologia che ne permetterà il funzionamento oltreconfine si chiama Gateway. Gli utenti non dovranno fare alcuna nuova installazione, basterà andare all’estero e Immuni continuerà a funzionare proprio come in Italia. Attualmente sono 15 i Paesi dell’Unione che hanno deciso di puntare sull’utilizzo di queste applicazioni per smartphone per contenere i contagi: si tratta di Italia, Austria, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Malta, Olanda, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca. Altri tre Paesi (Belgio, Cipro e Lituania) si aggiungeranno nei prossimi giorni, ma la Commissione insiste affinché tutta l’Unione sia coperta dal servizio, a patto di garantire la protezione dei dati personali.

La media dei download in tutto il continente è pari al 10%, mentre in Italia è leggermente più alta. Stando agli ultimi dati, sono 6,4 milioni i cittadini che l’hanno scaricata, pari al 17% degli smartphone che sono in circolazione nel nostro Paese. Dal calcolo sono esclusi i minori di 14 anni (pari al 12% della popolazione residente).

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sir Ken Robinson lo diceva: occorre trasformare l’istruzione. E l’e-learning può essere un’ottima opportunità

next
Articolo Successivo

Migranti, la lezione di Lampedusa: imparare dalle tragedie

next