Due anni e due mesi di reclusione all’attrice Serena Grandi per il fallimento del ristorante aperto a Borgo San Giuliano di Rimini, ‘La locanda di Miranda‘ nel 2013. La condanna martedì in Tribunale a Rimini, come riportano i quotidiani locali, per bancarotta con distrazione di beni strumentali della società Donna Serena srl, e le irregolarità sui libri contabili.

Aperto nel 2013 dopo la partecipazione della Grandi al film premio Oscar ‘La grande bellezza’ e chiamato come il personaggio da lei interpretato nel classico erotico di Tinto Brass, ‘Miranda‘, il ristorante dopo un anno di gestione aveva chiuso senza pagare i dipendenti. Nel 2015 la dichiarazione di fallimento e la successiva indagine della Procura di Rimini, coordinata dal sostituto procuratore Luca Bertuzzi che ha quindi chiesto ed ottenuto la condanna dell’attrice

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai 2 rimprovera l’utente sessista: “Il calcio non è roba da donne e non lo sarà mai? Non è necessario esprimere il proprio pensiero”

next
Articolo Successivo

Carlo Cracco ai clienti del suo ristorante in Galleria a Milano: “Vi do solo mezza pizza”. Ecco le reazioni

next