“Ho visto mia madre piangere per i messaggi che mi scrivevano”. L’influencer Denis Dosio, oggi concorrente del “Grande Fratello Vip”, ha sempre dovuto fare i conti con gli insulti degli haters. Al 19enne brasiliano venivano contestate le prove di recitazione “cringe” e i balletti sexy, che ormai non propone più da tempo sui suoi profili social. Ma tutti quegli insulti hanno generato in lui una grande sofferenza.

“Ho aperto Youtube quando avevo 14 anni. Ero un ragazzino un po’ bruttino, avevo i capelli a caschetto e facevo un po’ lo stupidotto davanti alla telecamera. La gente ha iniziato a sfottermi, mi prendevano in giro”, ha detto Denis agli altri concorrente del “GF VIP” durante un momento di sconforto. Anche i suoi coetanei, a Forlì, hanno iniziato ad accanirsi contro di lui. “Mi sono chiuso totalmente in me stesso. Per un anno e mezzo non sono mai uscito di casa. Ho sofferto tanto. A quell’età anche un piccolo insulto ti lascia una ferita tremenda”. Ma Denis non ha mai smesso di credere nel suo sogno: “Non ho mai mollato. A 17 anni sono riuscito ad arrivare a 100mila followers su Instagram. A quel punto è scoppiato il fenomeno Denis Dosio, ma è scoppiato di nuovo con gli insulti e le offese. Io ora ci rido su, ma nell’ottimismo c’è sempre della sofferenza”, ha aggiunto, senza riuscire a trattenere le lacrime.

Consolato da Maria Teresa Ruta (“Non te lo puoi permettere, tu hai i followers”), l’influencer ha svelato anche quel che più gli ha fatto male: la sofferenza della madre. “Ho letto messaggi terribili, ho sentito mia madre piangere per quello che scrivevano. Messaggi come “se incontrassi tua madre, la brucerei nell’acido”. Robe pesanti. Me ne sono sempre sbattuto, però dentro stavo male, soprattutto quando l’ho vista piangere, era distrutta. A quel punto ho detto: ‘Fanculo a tutti, io ce la devo fare’. Per quello non mi sono mai mostrato debole e sono sempre andato avanti”, sono state le sue parole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Live non è la D’Urso, Asia Argento su Fabrizio Corona: “Non copulavo da tanto”. Lui risponde con un video

next
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Alba Parietti e lo scontro furioso con Caterina Collovati: “È un pu*e sbattuto in faccia”, “discorsi da ‘sciacqualattughe'”

next