Era il 1991, programma Otto e Mezzo, quando tra Vittorio Sgarbi e Roberto D’Agostino ci scappò uno schiaffo. Ebbene, gli anni passano ma gli animi dei due restano infuocati. Stavolta siamo a Stasera Italia, il programma condotto da Barbara Balombelli su Rete4 e l’argomento è il covid-19. “La mascherina si porta in automobile? Ha un senso solo per chi ha rubato l’automobile. Basta diffondere panico, dicendo che la mascherina ci difende da un pericolo reale. Sono ormai sei mesi che vengo intervistato solo sul coronavirus. Vorrei non parlarne più”: così parla Sgarbi. Al che D’Agostino: “Sgarbi ma sei un virologo? La mascherina la devi mettere”. E il critico d’arte perde la pazienza: “La devi mettere tu ma nel cervello“. Quindi di nuovo D’Agostino, come un match a tennis: “Io me la metto anche nel sedere ma non c’è niente da scherzare”. “Stai scherzando tu piccolo terrorista“. Ancora Dago: “Dille a Bergamo queste cose”. E Sgarbi ribatte pure a questo: “Vado anche a Bergamo. Certo non vado a Matera: vado, ma smetti di dire idiozie, scemo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lockdown all’italiana, furibonda polemica sul film di Enrico Vanzina: “Tra le mutande di Greggio e il culo della Stella i morti non ci stavano. Pietosi”

next