Foggia è una zona di trincea della giustizia ed è una zona in cui lo Stato deve affermare la propria presenza. Lo Stato a Foggia deve essere presente con tutte le risorse necessarie”, così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, parlando al termine di una visita a sorpresa al tribunale foggiano, poco prima di una rapina avvenuta proprio in un bar della città pugliese, durante la quale è rimasto ferito gravemente il figlio del titolare. “A Foggia è previsto un ampliamento della pianta organica di sei unità: tre in Procura e tre in Tribunale“, ha rassicurato il ministro, senza dimenticare che però i problemi di legalità sono di tutta la Regione. “I cittadini sappiano che per il ministero della Giustizia ci sono situazioni di trincea, in cui riteniamo che la legalità, l’affermazione della legalità sia uno dei punti di partenza per il rilancio di una terra meravigliosa come questa”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, Mattarella: “Un’alleanza importante, il lavoro comune continui dopo la pandemia”

next
Articolo Successivo

“Mi votano romeni, ivoriani e pu*****, una ciurma. Se prendiamo la Regione comando Fermo”: così il candidato leghista chiede il disgiunto. Audio

next