“L’elettorato mio è inavvicinabile, ho il 50% romeni, sono invitato a cena dagli ivoriani, tutta una ciurma che non mi può levare manco il Padre Eterno, le vecchie tr***…, il giro attorno al Paradise”, è l’audio shock cominciato a circolare nel pomeriggio di giovedì che sta scuotendo le elezioni comunali di Fermo. A pronunciare le parole il candidato della Lega in consiglio comunale a Fermo, Luciano Romanella, proprietario di immobili, che ha inviato l’audio ad un amico simpatizzate di un’altra parte politica, chiedendogli il voto disgiunto. “Se prendiamo la Regione io comando Fermo dall’opposizione, lo capisci?”, continua spiegando il perché della sua candidatura nella Lega. “Anche quelli fissati con Calcinaro (il candidato del centrosinistra alle amministrative ndr.), basta che la preferenza la dà a me”. E poi, spiega il suo piano nel caso di vittoria come consigliere comunale: “Siccome a novembre devo andare a Roma con il pugilato, una volta che ‘sbanco a destra’ al secondo giorno dico che mi dimetto?”. Inutile dire che l’audio, a meno di 72 ore dal voto, ha sollevato diverse polemiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, Bonafede: “Foggia zona di trincea della giustizia, qui lo Stato deve essere più presente. Va riaffermata la legalità per rilanciare Regione”

next
Articolo Successivo

Marche, crisi e ricostruzione post sisma mai finita: così dopo 25 anni la sinistra rischia la sconfitta. Nel “nuovo Mezzogiorno” conterà il voto di protesta

next