Il mercato europeo dell’auto (UE+Efta+Regno Unito, che ha segnato un +11,3%) ha registrato ad agosto l’ennesima battuta d’arresto di questo anno particolarmente difficile, con una diminuzione delle immatricolazioni pari al 17,6% e un totale di nuovi veicoli venduti che si ferma a 884.394 pezzi.

Numeri che, sommati con quelli dei precedenti 7 mesi dell’anno, portano ad una perdita complessiva nel cumulato 2021 del 32,9%: solo 7.267.621 unità, ovvero circa tre milioni in meno rispetto allo stesso periodo (gennaio-agosto) del 2019.

Per quanto riguarda il mercato UE in senso stretto, il calo di agosto è stato più importante: un -18,9%, comunque lontano dai disastri dei mesi di lockdown. A perdere sono state tutte le più importanti piazze continentali (a parte Cipro, +14,1%), e tra i cali più eclatanti ci sono quelli di Germania (-20%) e Francia (-19,8%).

L’Italia ha limitato le perdite a un modesto -0,4%, complice soprattutto l’introduzione dei sussidi statali anche per motori a combustione benzina e gasolio Euro 6d, come spiega il Centro Studi Promotor: “Proprio nel nostro Paese sono emersi i primi segnali di ripresa. Il merito va agli incentivi alla rottamazione introdotti dal decreto rilancio, modificato sulla base dell’emendamento Benamati, che li ha estesi anche all’acquisto di vetture diesel e a benzina con emissioni non superiori a 110gr/km di CO2. Il mercato italiano dovrebbe tornare in terreno positivo già a settembre“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca e Psa, riviste le clausole del matrimonio. Il dividendo distribuito sarà più basso

next
Articolo Successivo

Mercato auto Italia, a settembre c’è l’effetto incentivi: immatricolazioni a +9,5%

next