“Non accettiamo ricatti. Lo dico molto chiaramente: L’Italia non accetta nessun ricatto sui propri connazionali, che devono tornare a casa. Dobbiamo essere pienamente coordinati, perché il lavoro fa fatto con molta attenzione”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di “24 Mattino” (Radio24) dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a proposito dei due pescherecci trapanesi con 18 marittimi a bordo, “Antartide” e “Medinea”, sequestrati il 1 settembre nelle acque della Cirenaica, a 35 miglia al largo di Bengasi dalla Marina fedele al generale Haftar.

Di Maio spiega di aver avuto ieri una conference call con il sindaco di Mazara del Vallo, con le famiglie dei pescatori e con gli armatori: “Adesso noi stiamo lavorando come governo per sentire tutti gli attori internazionali che hanno un’influenza su Haftar e su quella parte libica per riuscire a ottenere il rilascio dei pescatori, che non sono in prigione ma in stato di fermo. Quindi, queste persone non sono a contatto con gli altri detenuti e ogni giorno ci accertiamo del loro stato di salute”.
E annuncia: “Presto convocheremo un vertice di governo su questo caso. In questi giorni ho sentito il ministro degli Emirati e il ministro russo, che hanno capacità di influenza su quella parte libica. Stiamo lavorando con un basso profilo per ottenere risultati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, scontro Salvini-Carofiglio su La7. “Siete ossessionati”. “Non risponde mai, è un esperto di vittimismo politico”

next
Articolo Successivo

Salario minimo, più letti in ospedale e più asili nido. Le linee del governo su come usare il Recovery fund

next