Gli italiani spendono sempre di più nel gioco e nelle slot. Nel 2019 hanno dedicato 19,45 miliardi ai giochi. Oltre la metà (11,40 miliardi) sono finiti nelle casse dello Stato sotto forma di tasse. Secondo i dati, riassunti nel Libro Blu dell’Agenzia delle dogane e monopoli, la spesa degli italiani è aumentata del 2,42%rispetto ai 19 miliardi dell’anno prima. In salita anche il volume totale della raccolta, cioè l’insieme delle puntate (+3,44% ai 110,54 miliardi), e delle vincite (+3,66% a 91,10 miliardi).

“Nel periodo di riferimento 2017-2019 – si legge nel Libro Blu – tutto il settore del gioco ha registrato un trend in crescita: +8,64% per la raccolta, +10,08% per le vincite, +2,42% per la spesa e +10,68% per l’Erario”. L’aumento degli introiti per l’Erario è principalmente dovuto alla consistente crescita del gioco online, in particolare nel settore dei giochi di carte e nei giochi d’azzardo a quota fissa. L’apporto delle slot machine virtuali passa da una raccolta di 12.866 milioni di euro nel 2018 ad una raccolta di 15.194 milioni di euro nel 2019.

Così come negli anni passati, anche nel 2019 oltre la metà (63,46%) delle entrate erariali arriva dalle slot machine, il resto dalla Lotteria (12,89%) e dal Lotto (10,53%) e altri giochi (13,12%). Il nuovo documento esamina anche la distribuzione delle slot in Italia: negli ultimi anni i numeri sono diminuiti, passando dai 579.228 apparecchi del 2015 ai 418.491 del 2019.

Per quanto riguarda il gioco online, nel 2019 i tentativi di accesso a siti web illegali ammontano a 144,2 miliardi. Sono stati chiusi 1.037 siti web irregolari. Adm ha rafforzato l’attività per la prevenzione del gioco patologico, avviando un programma di iniziative per rendere più chiare e diffuse le informazioni agli utenti sul sito internet Adm e dando risalto al numero verde nazionale per il sostegno alle persone in difficoltà con il gioco d’azzardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La newco per la nuova Alitalia pubblica non c’è ancora. Conto alla rovescia per il piano industriale con le incognite esuberi e aerei

next
Articolo Successivo

Nel decreto Semplificazioni un tetto ai canoni pagati per estrarre idrocarburi. I No triv: “3 milioni regalati alle compagnie petrolifere”

next