J-Ax in un momento in cui la discografia tenta di rialzarsi, dopo gli effetti del lockdown, compie una piccola rivoluzione. Il rapper infatti rivela di aver inciso un album punk rock “Uncool & Proud” con il nome di J-Axonville. Un sound totalmente diverso rispetto al suo ultimo brano estivo “Una voglia assurda”. L’artista per lanciare questa iniziativa ha pubblicato un video su Instagram dove appare assieme ad altri tre gemelli. Solo uno è anestetizzato e indossa la maglietta dei Ramones non a caso. Mentre i tre discutono di tv, share, dibattiti e talk ecco che il J-Ax dormiente si risveglia e spara agli altri fratelli, sorridendo: “Adesso tocca a me”.

Il disco non sarà disponibile nei negozi né in streaming. J-Ax sta mandando in queste ore un link agli amici più stretti per far ascoltare i dieci brani inediti, raccomandandosi di non pubblicare il materiale da nessuna parte. I titoli lasciano ben poco spazio all’immaginazione si va da “Rotture di cazzo” a “Vi meritate la crisi”, ma anche “Violenza pedagogica” e “Non mi piaccio più”.

“Nella mia vita ho cambiato tutto. L’unica, vera, costante è la mia voglia, ogni volta che qualcuno mi dice ‘quella cosa non la puoi fare’, di farla. – scrive J-Ax su Instagram – Mi avevano detto che ‘non potevo fare rap’ e ho rilasciato gli album che hanno venduto di più nella storia del rap in Italia. Mi avevano detto che lasciare il mio gruppo e cambiare genere mi avrebbe ucciso e dopo 7 album sono ancora qui. Mi dicevano che ero finito, che la gente mi aveva dimenticato, e grazie a voi i miei pezzi e album diventano di platino. L’odio degli altri è benzina per realizzare i nostri sogni. È sempre così. Vi dico questo perché oggi vi voglio annunciare un altro dei miei sogni, uno di quelli che hanno subito il trattamento non è roba per te”.

Poi ha spiegato com’è nata l’idea di “Uncool & Proud”: “Ho realizzato un disco PunkRock. Il genere meno mainstream, meno cool e meno streammato del momento. Scritto, suonato e registrato durante questi mesi folli. È sporco, giovialmente arrabbiato, scorretto. Non potrete comprarlo o ascoltarlo in streaming. Ho deciso che manderò un link per ascoltarlo a persone speciali che stimo e amo. Loro potranno a loro volta girare quel link a chiunque riterranno opportuno. Magari arriverà anche a qualcuno di voi”.

Il rapper ha messo le mani avanti: “Ha un senso commerciale questa operazione? No. Quanti mi hanno dato del pazzo per averci pensato? Ho perso il conto. Ma i sogni che seguono una logica sono operazioni di marketing camuffati da sogni. Questo è un regalo che ho voluto fare a me stesso e ai folli a cui piace la mia stessa merda. Se riuscirai ad ascoltarlo significa che fai parte del club”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Com’è andare a un concerto ai tempi del distanziamento? Vi raccontiamo quello di Diodato

next
Articolo Successivo

Emis Killa e Jake La Furia a FqMagazine: “Se il lavoro si ferma per mesi e la gente muore di fame c’è qualcosa di sbagliato nel sistema”

next