Vietato l’ingresso a chi ha meno di 25 anni. È quanto ha deciso un pub del North Yorkshire, nel Regno Unito, alla luce dei dati sull’andamento dell’epidemia di coronavirus, da cui emerge che l’età media dei contagi si è abbassata e i casi riguardano ormai sempre di più i giovanissimi, come è successo nel paese dove si trova il locale, Sherbern-in-Elmet.

“Ci abbiamo riflettuto con molta attenzione, continueremo a cercare di garantire che la nostra comunità, i clienti e il personale siano tutti al sicuro in questi tempi difficili. Prima che qualcuno provi a dire che abbiamo torto, pensi alle implicazioni per noi come azienda – aveva spiegato la proprietaria del locale in un post pubblicato (e poi cancellato) su Facebook -. Preferiremmo avere un ambiente sicuro piuttosto che un luogo che è in bilico sul rischio di chiusura. Stiamo agendo con le migliori intenzioni nei confronti di tutti in questo momento, abbiamo clienti fantastici e educati anche in quella fascia d’eta, ma al momento non possiamo correre il rischio”. Intervistata dal quotidiano The Independent, la donna ha raccontato di esser stata costretta a cancellare il suo post dopo aver ricevuto telefonate e messaggi di fuoco, tra cui anche una minaccia di morte: “Tutto quello che voglio fare è tenere le persone al sicuro“, ha ribadito.

Ad infamare le polemiche è anche il fatto che la decisione del pub arriva proprio mentre il governo britannico è nel mirino, accusato di aver usato i giovani come “capro espiatorio” per la diffusione del virus dopo averli incoraggiati a tornare al lavoro e mangiare fuori nei ristoranti.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ho il coronavirus, tutto il fottut* mondo ce l’ha, lasciatemi divertire”: ragazza posta video da una festa, università cerca di rintracciarla

next
Articolo Successivo

Il pitone è tanto gonfio che si sospetta abbia ingoiato un bambino: muore, poi la scoperta

next