Un pitone tanto gonfio da far temere a tutti che avesse ingoiato un bambino. L’avvistamento è avvenuto in un campo di canne da zucchero vicino alla città di Malipura, Uttar Pradesh, India. L’enorme animale, lungo oltre tre metri, era esageratamente gonfio, tanto è vero che gli abitanti del villaggio hanno subito sospettato che avesse ingerito un bambino, secondo quanto riferito dai media locali.

Subito l’area è stata isolata per motivi di sicurezza e il serpente è stato catturato e poi rilasciato a circa tre chilometri vicino alle rive del fiume Gange. Lì è morto dopo aver espulso ciò che aveva inghiottito: così gli abitanti del villaggio hanno scoperto che non si trattava di un bambino bensì di un cervo. I pitoni sono considerati tra i serpenti più grandi al mondo: possono raggiungere i 6 metri di lunghezza e grazie alla loro pelle elastica e alle mascelle molto flessibili riescono a mangiare anche animali di grossa taglia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, pub vieta l’ingresso a chi ha meno di 25 anni: “Troppi contagi tra i giovani, vogliamo tenere i clienti al sicuro”

next
Articolo Successivo

Ameba mangia-cervello, muore un ragazzino di 13 anni. La famiglia: “State attenti quando nuotate nei laghi d’estate”

next