Ha avuto un malore, forse causato dal fumo, mentre stava dando fuoco a delle sterpaglie in un campo. Le fiamme lo hanno avvolto ed è morto carbonizzato. Secondo le prime ricostruzioni, è deceduto così Nicola Lovallo, di 68 anni, ex assessore e consigliere comunale del Pd di Potenza. L’incidente si è verificato in mattinata in contrada Cavalieri, nella periferia del capoluogo lucano.

Sul luogo sono arrivati i vigili del fuoco, che hanno subito domato l’incendio, insieme al personale del 118. Inutili, però, i soccorsi: gli operatori non hanno potuto far altro che constatare il decesso di Lovallo. Sul posto sono giunte anche le forze dell’ordine, che indagano per ricostruire le modalità dell’incidente.

Numerosi i messaggi di cordoglio per la scomparsa dell’ex assessore. Il sindaco di Potenza, Mario Guarente, ha espresso “profondo dolore e sconcerto per la sua morte”. In una nota, lo ha ricordato come “una persona leale, estremamente corretta, sempre disponibile a mettersi a servizio della comunità, sia nel suo ruolo istituzionale, come consigliere e come assessore, sia nell’ambito culturale e del volontariato. Ci ha lasciati troppo presto – aggiunge il sindaco – e, in un momento di così grande dolore a nome dell’intera città attesto la vicinanza alla famiglia e ai tanti che hanno avuto la fortuna e l’onore di conoscerlo e volergli bene”.

Foto tratta dal canale YouTube trmh24

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricoverato per Covid a marzo, torna a camminare ed esce dall’ospedale dopo sei mesi: la video-testimonianza del prof marchigiano

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 1.597 nuovi casi e 10 morti. Leggero calo dei tamponi: 94mila. Crescono i ricoveri, anche in terapia intensiva

next