di Carblogger

Toyota, Nissan e Honda, se avete soldi da spendere e annusate l’aria forse siete pronti a scommetterci su. Me lo fa pensare uno che si chiama Warren Buffett, il mitico finanziere venuto da un posto sperduto coma Omaha nel Nebraska e diventato uno degli uomini più ricchi del mondo con investimenti occhiuti e previsioni azzeccate, oltre a spese personali ridotte all’osso (cose tipo niente carta di credito, niente macchine nuove ma solo vecchi suv e prime colazioni da meno di 4 dollari a un drive da McDonald’s, guardate qui per credere).

Buffett ha compiuto 90 anni il 30 agosto scorso e si è regalato un investimento da circa 6 miliardi di dollari comprando partecipazioni azionarie dei cinque principali colossi commerciali giapponesi, Itochu, Marubeni, Mitsubishi, Mitsui e Sumitomo Corp. “Spero che nel futuro si presentino opportunità che beneficino entrambe le controparti”, ha detto senza badare più di tanto all’anagrafe. Un grande.

Ma la vera notizia è che, in tempi di Covid-19 di ritorno, Buffett scommette sul Giappone. Non ancora su Toyota, Nissan e Honda – a suo tempo il finanziere ha scelto Byd nell’auto – ma un segno chiaro di attrazione per quel Paese.

Può significare almeno due o tre cose, considerando che lui è solito investire sul lungo termine: 1) che il Giappone e la sua economia usciranno dal Covid-19 prima di altri, dopo aver avuto meno contagi e meno vittime che altrove; 2) un “bye bye” polemico al premier Shinzo Abe, il capo di governo più longevo che il Paese abbia mai avuto e che ora lascia per motivi di salute, e alla sua politica economica chiamata “Abenomics” con la quale ha provato a portare il Giappone fuori da una stagnazione interminabile, infrangendosi però sugli scogli della deflazione e poi del coronavirus; 3) che il Giappone fa bene a tenersi lontano dallo scontro fra Stati Uniti e Cina, con l’Europa troppo pericolosamente in mezzo.

Vi basta il “buy” di Buffett per farvi scommettere su Toyota, Nissan e Honda?

Oggi Toyota perde soldi come tutti in questa fase ma è un gruppo solido finanziariamente e si è irrobustito (come ha già fatto nel secolo scorso) facendo entrare nella sua galassia marchi più piccoli attraverso partecipazioni azionarie o accordi industriali. Nissan è quello messo peggio dei tre dopo gli sconquassi dell’era post Ghosn. Tuttavia il nuovo ceo si è sbilanciato puntando sul quarto trimestre dell’anno fiscale giapponese (gennaio-marzo 2021) per una rinascita e gli si può dare fiducia guardando anche a cosa accadrà all’azionista di riferimento Renault, dove molte cose sono destinate presto a cambiare. Honda è l’alfiere dello “stand alone”, della crescita senza fusioni né alleanze troppo compromettenti, ma sempre attentissimo ai conti.

Toyota, Nissan e Honda lavorano sul futuro che è fatto (come per tutti) di elettrificazione e guida autonoma, e Toyota e Honda hanno una marcia in più che si chiama idrogeno, sostenuti dal sistema Giappone. Buffett direbbe di loro “investo in ciò che mangio”, frase usata parlando di Coca-Cola di cui è azionista e gran bevitore. Ma oggi si può dire che valga pure per le strategie dei tre big jap.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Giappone il primo test di volo con pilota per SkyDrive, la macchina volante che decongestionerà le città del futuro

next
Articolo Successivo

Cinture sicurezza, importante allacciarle anche dietro. L’allarme lanciato da Unasca: ecco il video shock che spiega i gravi rischi

next