A Wuhan riaprono le scuole. Nella città dove è nata la pandemia di coronavirus, gli studenti sono tornati fra i banchi di scuola. Mascherina obbligatoria nelle fasi di assembramento, in ingresso e uscita, non necessaria in classe. Molti i controlli di sicurezza messi in atto dalla città della provincia dell’Hubei: disinfezione delle mani, misurazione della temperatura, e insegnamento in classe della giusta metodologia di lavaggio delle mani. Nella sola Wuhan, hanno riaperto i battenti un totale di 2.842 asili, oltre a scuole primarie e secondarie, accogliendo circa 1,4 milioni di alunni. Secondo Wang Chifu, vicedirettore dell’ufficio scolastico cittadino, gli studenti delle scuole primarie e secondarie a Wuhan devono portare con sé le mascherine, ma non dovranno indossarle in classe.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, De Blasio rinvia di 11 giorni la riapertura delle scuole. Sindacati: “Serve sicurezza, abbiamo bisogno di più tempo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “nel Regno Unito l’ondata invernale potrebbe provocare 85mila morti”

next