Si intitola The Owl House ed è la serie animata di Disney Channel che promette di fare una rivoluzione: la protagonista, Luz Noceda, è infatti il primo personaggio apertamente bisessuale della casa di animazione.

La creatrice dello show Dana Terrace, 29 anni, ha scritto su Twitter che il personaggio principale della serie sia stata attratta da personaggi maschili e femminili. Nell’episodio “Enchanting Grom Fright” infatti di vede Luz intessere una relazione con Amity Blight, una studentessa della scuola. Amity chiede infatti a Luz di andare insieme al ballo di fine anno, dopo averle confessato i suoi sentimenti.

La Terrace su Twitter ha sostenuto di aver combattuto con “una certa leadership Disney” per assicurarsi che i “ragazzi queer” fossero rappresentati nel suo spettacolo. Rivela infatti la creatrice di The Owl House: “Mi è stato detto da una certa leadership Disney che non potevo rappresentare alcuna forma di relazione bisessuale o gay“. Ma lei avrebbe rifiutato questa imposizione. “Sono bisessuale! Voglio scrivere un personaggio bisessuale, dannazione!“, racconta l’autrice. “Fortunatamente la mia testardaggine ha dato i suoi frutti e ora sono molto supportata dalla Disney”, conclude.

Dopo l’uscita di Frozen, i fan avevano chiesto a gran voce di dare alla protagonista Elsa una fidanzata, e creare la prima coppia gay in un cartone animato della casa di Topolino. Non funzionò, ma nel 2017 nella serie Andi Mack uno dei personaggi principali ha rivelato di essere innamorato di un ragazzo: quella fu la prima volta che un omosessuale si dichiarava come tale in uno show Disney.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sale sul tetto delle Terme centrali di Pompei per farsi un selfie: turista rischia 3mila euro di multa

next