Non c’è più Coviddi, non c’è”. “Ragazze vi rendete conto di quello che dite?”. Anche la giornalista del Tg1 fatica a trattenere lo sdegno per la frase sprezzante pronunciata da giovane ragazza italiana che si trova con le amiche e altre centinaia di ragazzi in una discoteca di Pag, in Croazia. Le immagini mostrano una folla di giovanissimi alle prese con musica martellante e gli eccessi dello sballo a tutti i costi. Zero distanziamento, figuriamoci mascherine. Tanto, appunto, secondo loro “il Covid non c’è più”. Eppure i numeri parlano chiaro: i contagi sono in continuo aumento, una crescita esponenziale in tutta Europa, soprattutto in quei Paesi – come la Croazia – in cui le misure di sicurezza sono pressoché nulle. Solo da questa sera infatti i locali notturni avranno l’obbligo di chiudere entro la mezzanotte ma, ormai, l’estate è andata.

Questo servizio andato in onda sul telegiornale di Rai 1 il 14 mostra uno spaccato di gioventù preoccupante: i bicchieri di troppo, i ragazzi che si divertono e sembrano non avvertire minimamente il rischio al quale vanno incontro. Come l’altro italiano intervistato: “Anche se mi fanno il tampone e poi sono positivo, ho vent’anni, non mi ammazzerà di certo il Coronavirus”, dice alla giornalista del Tg1. Neanche a dirlo il video ha fatto subito il giro della rete scatenando un’ondata di indignazione: “È il termometro di un Paese fallito“, commenta qualcuno riferendosi ai giovani italiani intervistati. Ma c’è anche ci sostiene invece che sia “troppo facile dare la colpa ai giovani, chiede conto ai gestori delle discoteche”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus e movida, lo sfogo dell’infermiere: “Voi a ballare dicendo che ‘non ce n’è coviddi’ e noi dentro le tute a sudare. Mettete la mascherina”

next
Articolo Successivo

Notte di Ferragosto a Gallipoli, la discoteca è piena: il locale ricorda di indossare la mascherina ma quasi nessuno lo fa (o la porta abbassata)

next