I resti custoditi nella tomba del Pantheon a Roma appartengono a Raffaello Sanzio. La conferma viene dalla prima ricostruzione facciale in 3D fatta a partire da un calco dei resti del pittore, ad opera dell’università Tor Vergata di Roma. La ricostruzione è stata confrontata con gli autoritratti conosciuti dell’artista. Lo studio, annunciano gli stessi scienziati, sarà prossimamente sottoposto per la pubblicazione alla rivista Nature. “Questa ricerca – dice Olga Rickards, una delle principlali esperte mondiali di antropologia molecolare – fornisce per la prima volta una prova concreta che lo scheletro riesumato nel Pantheon nel 1833 appartiene a Raffaello”.

Articolo Precedente

L’infinito di Leopardi diventa una videopoesia, l’animazione di Simone Massi con la voce di Neri Marcorè al festival “La punta della lingua 2020”

next
Articolo Successivo

Vodka Siberiana /6 – La vestale degli imperdonabili

next