Il coronavirus colpisce sempre di più i giovani. L’ultimo aggiornamento dell’Organizzazione mondiale di sanità mette a confronto i dati dal 24 febbraio al 6 luglio: nella fascia di età tra i 5 e i 24 anni i contagi sono aumentati di sei volte. L’incremento è ancora più marcato per i bambini fino a 4 anni d’età: i positivi sono 7 volte di più. Un dato che arriva nel giorno in cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha rivolto un appello proprio ai ragazzi: “State attenti, perché voi siete il veicolo principale del contagio in questo momento”. I casi giornalieri in Europa sono tornati ad aumentare e anche in Italia ieri ci sono stati più di 400 nuovi positivi. Non solo, nel nostro Paese l’età media dei contagiati si è abbassata, come ha evidenziato lo stesso Speranza: “Oggi l’età media del contagio è scesa a 40 anni mentre solo due mesi fa era 60-65 anni”.

L’aumento dei casi di Covid fra i più giovani, in particolare bambini – spiega l’Oms – può essere dovuto a una serie di fattori come il fatto che all’inizio tamponi e test erano concentrati fra le persone con sintomi più rilevanti, più frequenti fra gli anziani. Ora c’è una maggiore attenzione a scovare i casi paucisintomatici, la maggior parte dei quali tendono a essere più giovani e una maggiore disponibilità di tamponi. L’Organizzazione però evidenzia tra le possibili ragioni anche lo scoppio di focolai in Paesi più giovani e la movida, con comportamenti a rischio dopo l’allentamento delle misure anti-Covid, come il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine.

La diffusione del virus, aggiornata attraverso il sistema di sorveglianza globale per l’analisi dei contagi in base al sesso e all’età, resta maggiore tra i 25 e i 64 anni: in questa fascia si concentrano la maggioranza (64%) dei casi di Covid. Attualmente, infine, il 19,4% dei positivi sono persone che hanno tra 65 e 84 anni, solo il 3,4% quelle che hanno oltre 84 anni, l’1,2% i bambini fino a 4 anni, il 2,5% quelli tra 5 e 14 anni e il 9,6% tra 15 e 24 anni.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, 18enni positive al Covid al rientro da un viaggio in Croazia: in quarantena una trentina di ragazzi

next
Articolo Successivo

Caserta, operaio 39enne muore investito da un muletto. Lascia figlio piccolo e moglie incinta

next