“Non esistono dati sperimentali di infettività a varie distanze. Quello che si sa è che queste macro-goccioline si trasmettono fino a due metri di distanza. E infatti la proposta iniziale di distanziamento nei locali chiusi era di circa 2 metri. Dopo un furioso dibattito, si è poi arrivato a un metro di distanza. E questa, di per sé, è una decisione politica“. Lo rivela a “In onda” (La7) Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di virologia e microbiologia dell’Ospedale universitario di Padova, a proposito della trattativa tra governo, Regioni e comitato scientifico sulle norme anti-covid da adottare nel paese.

Il virologo aggiunge: “Ricordo che i due metri o un metro di distanza non è che sono da considerarsi in valore assoluto, cioè non sono valori indipendenti dalla temperatura, dall’umidità, dai ricambi d’aria. Quindi, onestamente penso che non abbia un grande valore scientifico questa paranoia del metro di distanza se non si tiene conto di tutti gli altri fattori”.

Severo il giudizio di Crisanti sul mancato rispetto delle misure relative al distanziamento nei treni regionali, a differenza di quelli a lunga percorrenza: “La mancanza di coerenza è una sciagura. Si sta ripetendo quanto già accaduto per le mascherine: prima erano sconsigliate, poi hanno suggerito di realizzarle da soli, successivamente hanno detto che andavano usate le FFP2 e dopo quelle chirurgiche. C’è stata, insomma, una grande confusione – continua – La stessa cosa sta accadendo con il distanziamento nei treni. Per me il metro di distanza va rispettato anche nei convogli regionali, anche se questo ha un costo economico. Ma se il Cts ha fatto questo suggerimento sul metro di distanza ed è stata adottata una decisione politica, uno Stato serio la fa rispettare a tutti quanti“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Migranti hanno mangiato i cani di un agricoltore”. Senaldi annuncia la prima pagina di Libero su La7 e i conduttori ridono increduli

next
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, Calenda su La7: “Riforma fatta coi piedi. 5 Stelle ipocriti, ma peggio di loro solo il Pd che subisce tutto”

next