“Per il ‘Centro europeo di controllo e prevenzione malattie’ in Italia ci sono 5,2 casi per 100mila abitanti, il dato più basso in Europa”. A riferirlo il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso dell’informativa al Senato sulle misure adottate dal governo Conte per affrontare l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus. “In questo momento nel mondo è il momento più complicato, con circa un milione di nuovi casi a settimana. Il nostro Paese è messo meglio per la situazione epidemica e questo è un risultato di tutto il Servizio sanitario nazionale e di tutti”. Eppure, ha avvertito Speranza, l’Italia non è ancora al sicuro: “I dati ci dicono che stiamo molto meglio rispetto agli scorsi mesi, ma non credo che battaglia sia vinta e non possiamo ancora ritenerci al sicuro e dobbiamo tenere alta la guardia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, il Pd preme per accelerare. Di Maio: “Per M5s nessun problema”. Il no a un appoggio di Fi: “Maggioranza troverà intesa”

next
Articolo Successivo

Scuola, Salvini su Azzolina: “Banchi a rotelle? Dannosi in zone sismiche. Regaliamone uno a questa ministra incapace e rimandiamola a casa”

next