“Sono proprio nel punto in cui passa 8 metri sotto terra il tubo del gas, ovviamente non c’è nessun segno di questo passaggio, tranne una boa gialla molto al largo”. Carlo Calenda torna sulla questione del Tap, il gasdotto che arriva in Italia dall’Azerbaigian attraverso il Mediterraneo, che ha animato il dibattito politico negli anni che hanno preceduto la sua realizzazione.

“Vi ricordo che questo tubo trasporta gas dall’Azerbaigian – continua Calenda -, quindi gas pregiato perché siamo molto dipendenti dalla Russia e copre oggi l’8% del nostro fabbisogno nazionale e potrebbe arrivare al 15%. Tutto un investimento privato, lo stato italiano non ci ha messo niente. Uno di quegli investimenti che i paesi fanno a gara per attrarre. Qui invece è stato oggetto di una campagna assurda, dicendo che questa campagna sarebbe stata deturpata… questa spiaggia è piena zeppa di persone, è una spiaggia bellissima”.

E, continua: “Mi ricordo il tiro delle pietre agli operai e mi ricordo anche la stampa cavalcare questa notizia del deturpamento… allora forse questo ci può insegnare qualcosa, ci può insegnare che le polemiche ideologiche, se perono di vista la realtà, mi ricordo la Lezzi e Di Battista questa zona verrà deturpata, chiuderemo tutto in 15 giorni (cosa che poi non hanno fatto) tutte queste buffonate noi cittadini ce le dovremmo ricordare, perché fanno la differenza tra un paese serio che riesce a progredire economicamente e un paese che perde la testa e fa uno scontro ideologico sul nulla e questo è il nulla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Conte: “Non possiamo tollerare che si entri in modo irregolare, né vanificare sforzi fatti per il Covid. Dobbiamo intensificare rimpatri”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zaia attacca i migranti: “Senza centri accoglienza non avremmo avuto i focolai, devono tornarsene a casa”

next