Due navi da crociera sono state messe in isolamento nel porto di Civitavecchia, a Roma, dopo che sono emersi tra casi di positività al coronavirus tra i membri degli equipaggi di bordo. Si tratta della Costa Favolosa e della Costa Deliziosa: entrambe le imbarcazioni erano ormeggiate da tempo per cui a bordo vi era solo il personale – alcune centinaia di persone – ma nessun passeggero.

Ad annunciarlo è l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato: “Al Porto di Civitavecchia sono state poste in isolamento due navi da crociera che stavano riarmando gli equipaggi in vista della riapertura delle crociere”, ha spiegato. “Riguardo alla “Costa Deliziosa – ha aggiunto – è arrivato un gruppo di 28 persone dell’equipaggio dalle Filippine e due sono risultate positive: ora si trovano allo Spallanzani. La Costa Favolosa ha un caso positivo tra l’equipaggio, sempre dalle Filippine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: nuovi casi in calo, sono 239 in 24 ore. Altri 8 morti, tutti in Lombardia

next
Articolo Successivo

Migranti, il sindaco di Lampedusa: “In due settimane 5500 persone” e quello di Pozzallo: “La nave quarantena non risolve”

next