L’America è pronta a dire addio a TikTok. Donald Trump ha confermato di voler mettere al bando l’applicazione più usata del momento, che a febbraio ha toccato il miliardo di utenti nel mondo. “TikTok è fonte di preoccupazione per la sicurezza nazionale, lo metteremo al bando negli Stati Uniti. Ho il potere di farlo e lo farò domani (oggi, ndr)”, ha detto il Presidente degli Stati Uniti. Nelle prossime ore verrà varato un decreto per imporre a Google ed Apple di eliminare l’applicazione dagli store di Android e iOS.

Balletti, lip-sync, sketch comici: TikTok è la piattaforma di riferimento per i teenager di tutto il mondo, anche in Italia. Perché è considerata preoccupante per la sicurezza nazionale degli Usa? Semplice: secondo Washington è uno strumento di controllo dei servizi segreti cinesi e, attraverso l’algoritmo, raccoglierebbe abitudini, preferenze e gusti degli utenti. Anche il collettivo di hacker Anonymous aveva lanciato un monito: “Cancellate subito TikTok, e se conoscete qualcuno che lo usa, spiegategli che si tratta di un malware gestito dal governo cinese nell’ambito di una gigantesca operazione di spionaggio di massa”.

Infatti l’app è stata creata ed è gestita dal gruppo cinese ByteDance, anche se ha in America il suo core business. Dal canto loro, i vertici della società hanno rivendicato l’indipendenza dal governo cinese ricordando che il ceo dell’azienda è un americano (Kevin Mayer, già ai vertici della divisione streaming di Disney). Nonostante loro si siano resi disponibili a far controllare gli algoritmi della piattaforma, Trump sembra determinato. Anche la possibilità di cessione della piattaforma a Microsoft sembra sfumata.

Ora che il presidente Trump è pronto a mettere TikTok nella lista nera, proprio come già successo per Huawei (altra società cinese), come cambierà il mercato? Per TikTok sarebbe un duro contraccolpo dopo i ban già operativi di India (dove gli utenti erano circa 200 milioni) e Hong Hong. I “tiktoker” americani, cioè chi ha costruito il proprio successo personale sull’app, sono già sbarcati su un’altra app molto simile a quella cinese.

Si tratta di Triller, una piattaforma dove gli utenti possono creare e condividere i propri “film”. Ma anche Mark Zuckerberg non resta a guardare. Per gli utenti degli Stati Uniti è già pronto un aggiornamento che prevede il debutto di Reels, cioè l’arrivo di un meccanismo simile a TikTok ma su Instagram che arriverà prossimamente anche in Italia. Le intenzioni sono serie, infatti la piattaforma di proprietà di Facebook è pronta a sborsare milioni di dollari per “rubare” gli utenti più seguiti a TikTok.

Alcuni noti tiktoker americani come Noah Beck e Josh Richards hanno si sono già iscritti. .“Mi mancherete tutti. TikT0k mi ha dato tutto e devo tutto a coloro che mi seguono“, ha detto Noah Beck nel suo ultimo video. Tony Lopez ha lanciato l’hashtag #FreeTikTok e ha scritto (su Instagram) a Trump: “Non vietare l’app, abbiamo bisogno di quella merda“. Mattia Polibio: “Sembra che dobbiamo dire arrivederci a TikT0k. Vi amo, grazie di tutto“. Bryce Hall: “Seguiteci su Youtube e Instagram per nuovi contenuti”. E Chase Hudson ha promesso: “Se questa è davvero la fine di TikTok sappiate che questo non sarà l’ultimo contenuto della Hype House“. Ancora nessun commento da Charli e Dixie D’Amelio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Temptation Island, Francesco Cozza lancia una stoccata all’ex moglie Manila Nazzaro: “Le bugie hanno le gambe corte”

next
Articolo Successivo

Morta la principessa Giorgiana Corsini: stroncata da un infarto mentre nuotava all’Argentario

next