Attualmente come sappiamo ci sono due principali sistemi operativi mobili nel settore degli smartphone, Google Android e Apple iOS. Sui due e sulle differenze, di stile, tecniche e di pubblico a cui si rivolgono, sono stati scritti fiumi d’inchiostro, con posizioni molto variegate. Ma avreste mai detto che, tra i due, gli utenti più fedeli al brand siano quelli Android? È quanto sostiene un report realizzato da CIRP (Consumer Intelligence Research Partnership), una società specializzata in ricerche di mercato.

Il risultato è inaspettato perché, vista la natura esclusiva del brand Apple che punta tutto su prodotti di fascia alta per prezzo e caratteristiche, si sarebbe portati più facilmente a pensare che gli utenti dell’azienda di Cupertino siano più degli adepti di un modo di intendere il mondo, mentre chi utilizza Android solitamente è conquistato solo dall’estrema personalizzabilità del sistema operativo e dai prezzi, solitamente contenuti.

I dati presentati da CIRP mostrano in realtà una differenza contenutissima, con fedeltà al marchio Android al 91% e ad iOS all’86%. In passato, secondo gli analisti, i clienti iOS erano più fedeli, tuttavia da quando Google ha iniziato a lavorare a fondo su aspetti come usabilità delle applicazioni, musica, video e persino sul design generale, questa tendenza ha iniziato a cambiare.

Nonostante questo, gli utenti Android che passano ad iOS sono molti di più di quanti fanno il percorso contrario, non fosse altro perché Android possiede l’88% del mercato mondiale e quindi annovera tra e sue fila molti più utenti. Qui però si parla di fedeltà al brand, intendendo così quanti utenti restano a huawei piuttosto che passare a Xiaomi, tanto per fare un esempio generale, piuttosto che di quelli che passano da Android ad iOS o viceversa, visto che il primo sistema è presente su dozzine di smartphone di produttori differenti, mentre iOS è esclusiva degli smartphone Apple.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili