Trentadue giorni dopo l’incidente in handbike, Alex Zanardi ha lasciato l’ospedale di Siena per essere trasferito in un centro specialistico di neuro-riabilitazione di Villa Beretta a Costa Masnaga (Lecco). Lo ha annunciato la direzione sanitaria dell’ospedale universitario dove è stato ricoverato fino a oggi: “In questi giorni si è concluso il programma di sedo-analgesia al quale era sottoposto l’atleta. Dopo la sospensione della sedazione, la normalità dei parametri cardio-respiratori e metabolici, la stabilità delle condizioni cliniche generali e del quadro neurologico hanno consentito il trasferimento del campione in un centro specialistico di recupero e riabilitazione funzionale”.

Il 19 giugno il campione paralimpico bolognese, 53 anni, stava partecipando alla staffetta benefica ‘Obiettivo Tricolore‘ lungo la strada provinciale 146 nella zona di Pienza, quando ha perso il controllo della sua handbike andando a sbattere contro un tir che procedeva in direzione opposta. Trasportato all’ospedale di Siena in elicottero, ha subito tre difficili interventi chirurgici e per oltre un mese è rimasto in terapia intensiva. “I nostri professionisti – afferma il direttore generale Valtere Giovannini – rimangono a disposizione di questa straordinaria persona e della sua famiglia per le ulteriori fasi di sviluppo clinico, diagnostico e terapeutico, come sempre accade in questi casi. Concludo mandando un grande abbraccio alla famiglia di Alex, che ha dimostrato una forza straordinaria: una dote preziosa che dovrà essere compagna di viaggio fondamentale del nuovo percorso che inizia oggi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massa Carrara, scarica 15 quintali di letame davanti al Comune di Aulla per protesta: “Non arriva l’acqua nei miei campi”

next
Articolo Successivo

G8 Genova, ovvero la fine dell’età dell’innocenza

next