Non venire nel quartiere a luci rosse. È troppo affollato“. Questo il tweet della città di Amsterdam prima che le autorità decidessero di chiudere alcune vie del famoso quartiere. Troppo affollamento e impossibilità di mantenere distanziamento sociale come obbligatorio a causa della pandemia di coronavirus. L’autorizzazione a riprendere l’attività per i “lavoratori del sesso” era stata data il primo luglio ma da quel momento, complice la riapertura delle frontiere, l’ammasso di gente che ogni sera affolla il quartiere a luci rosse è cresciuto esponenzialmente. Il quartiere a luci rosse è un labirinto di viuzze medievali nel cuore della città, nell’area conosciuta come De Wallen, appena a sud est rispetto alla stazione centrale.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Bocci: “Ho scoperto di avere l’herpes al cervello dopo un tremendo incidente in macchina”

next
Articolo Successivo

“Cani per trovare i positivi al coronavirus”: il tentativo austriaco

next