Continuano a far parlare (e discutere) le interviste di Pierluigi Diaco a “Io e Te”. Oggi sono state Serena Grandi e Corinne Clery a sottoporsi alle domande del giornalista. Quando, però, le due attrici hanno parlato del ricongiungimento familiare avvenuto grazie al “Grande Fratello Vip” dopo anni di guerre a distanza, il padrone di casa ha voluto fare una provocazione. “Sto Grande Fratello lo citate come se fosse lo spartiacque della vostra vita, è una cosa curiosa. Fattelo dire, Corinne: appare curioso che i sentimenti e le emozioni debbano passare attraverso il mezzo freddo e costruito della televisione e non attraverso la vita reale”. “Quando lì dentro mi hanno parlato di Edoardo (il figlio di Serena Grandi, ndr) mi hanno fatto tornare al mio problema. Ci sono degli psicologi lì dentro, al Grande Fratello”, è stata la risposta dell’attrice.

Così è iniziato un lungo botta e risposta, che vi riportiamo integralmente. “Tu vuoi dirmi che la psicologia possa passare attraverso un microfono di un programma televisivo? Ma dai, Corinne. La psicologia è una cosa seria. Le persone la fanno privatamente e anche io l’ho fatta per anni, individuale e collettiva. Non può essere trattata così”, ha detto Diaco. Al che la Clery ha iniziato a spazientirsi: “Pierluigi, ti prego: non ci sei passato, non puoi saperlo”. Qui Diaco ha tirato fuori dal cilindro la sua partecipazione a “L’Isola dei Famosi”: “Io ho fatto un reality e francamente mi sono sottratto a delle logiche finte (…) Converrai con me che al di là della presenza di uno psicologo in un programma televisivo, una cura e un percorso psicologico si debbano fare in privato fuori dalle telecamere (…) Io non ci credo che dentro la televisione possa esserci la verità. Non ci credo. La verità sta fuori dalle telecamere”.

Quindi pensi che io dica delle bugie?” è stata la domanda clou di una Corinne Clery ormai risentita. “Penso di sì”, la risposta del padrone di casa. “Ti sbagli. Purtroppo o per fortuna io non le dico mai. Ti prego di non mettermi in dubbio (…) Io non parlo mai, difficilmente mi apro. Quando mio padre è morto sono andata in televisione perché l’avevo promesso e, davanti alle telecamere, sorridevo”. Le provocazioni di Diaco sono continuate: “Ma se tu perdi tuo papà il giorno prima, perché vai in televisione?”. L’ultima battuta, prima dei saluti finali, è stata della Clery. “Perché sono una professionista. Io oggi non volevo venire perché ho il mio cane, il mio bassotto, sotto i ferri. Per professionalità sono venuta perché l’avevo promesso”.

L’intervista si è conclusa con i ringraziamenti di Diaco: “Le provocazioni vanno fatte perché ogni tanto al pubblico vanno spiegate come stanno le cose”. E ai ringraziamenti (“Grazie per aver accettato e per la sincerità…”), la Clery ha ribattuto: “Ma se hai detto che non mi credi…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nunzia De Girolamo in Rai con un programma il sabato sera: titolo (provvisorio) “Ciao Maschio!”

next
Articolo Successivo

Palinsesti Mediaset prossimo autunno, cosa vedremo di nuovo? Niente

next