Una nuova bufera sui social ha travolto Ciao Darwin, la nota trasmissione condotta da Paolo Bonolis su Canale 5 a causa di un tweet che l’accusa, indirettamente, di mandare messaggi razzisti. Il tweet, diventato presto virale, ha aperto la polemica rendendo l’hashtag #CiaoDarwin di tendenza. Tutto è partito dal profilo di David Adler, fondatore dell’associazione Preogressive International, una piattaforma nata con l’intento di unire tutte le forze progressiste in giro per il mondo, che ha scritto”Ho acceso la tv italiana e ho trovato il canale Mediaset di Berlusconi che trasmetteva uno show chiamato Ciao Darwin, nel quale gli italiani applaudono mentre una straniera nera viene affogata in una vasca d’acqua per aver risposto male a delle domande. Il tutto osservato da due uomini con un completo e da una donna silenziosa in bikini”.

Tanti utenti della piattaforma si sono quindi interessati al programma attaccando la televisione generalista italiana. In alcuni casi la bufera si è anche trasformata in schermaglie tra nazionalità, con post di insulti nei confronti degli italiani. Anche dall’Italia sono arrivate molte risposte, in particolar modo di utenti che hanno difeso il programma, definendo le posizioni di Adler oltranziste e la foto decontestualizzata rispetto alla realtà di quello che viene proposto dal format della Mediaset. “Mi dispiace che tu abbia perso la parte migliore, quando uccidiamo tutti i concorrenti che hanno perso, senza distinzione tra bianchi e neri. Ai bambini a casa piace”, risponde Marco Salvati, storico autore dei programmi di Bonolis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Vita in Diretta, Ema Stokholma: “Mia madre ha provato ad affogarmi, voleva mi gettassi da un ponte”

next
Articolo Successivo

Nunzia De Girolamo in Rai con un programma il sabato sera: titolo (provvisorio) “Ciao Maschio!”

next