Dopo l’ingresso in carcere di Gerald Priegnitz avvenuto all’inizio del mese, anche l’altro manager del gruppo tedesco Thyssenkrupp condannato per l’incidente nell’impianto siderurgico di Torino del 2007 andrà presto in cella. In base a quanto appreso dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede attraverso canali diplomatici, Harald Espenhahn inizierà a scontare la sua pena entro il 16 luglio prossimo. I due dirigenti sono stati condannati in via definitiva per omicidio colposo al termine di un lungo iter giudiziario. Per entrambi, però, la procura tedesca di Essen ha concesso il regime di semilibertà – potranno andare a lavoro ogni giorno e tornare nel penitenziario solo per la notte – provocando lo sdegno dei familiari dei 7 operai morti nel rogo.

La notizia dell’imminente arrivo in cella anche di Espenhahn, ex amministratore delegato dello stabilimento piemontese, è stata fornita dal ministro tedesco del Land Nord Reno-Westfalia. Nella sua missiva indirizzata a Roma ha fornito tutte le informazioni riguardo all’esecuzione della pena prevista per il manager, inflitta da giudici italiani ma applicata in territorio tedesco. “Il ministro Bonafede”, come si legge in una nota di via Arenula, ha quindi “informato i familiari delle vittime, segnalando inoltre che, a breve, avrà luogo un incontro al ministero” con il loro legale.

La carcerazione era attesa da tempo dai familiari degli operai morti, che a fine giugno avevano incontrato a Palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e la sindaca di Torino Chiara Appendino, per chiedere piena giustizia per i propri cari. Il guardasigilli ha poi incontrato a inizio luglio l’ambasciatore tedesco a Roma, Viktor Elbling, chiedendo delucidazioni sulle ultime decisioni delle autorità tedesche sulla permanenza in carcere dei due manager.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggiolo, famiglia sfrattata durante il Covid: sgombero dall’azienda agricola rimandato a settembre. “Vinta una piccola battaglia”

next
Articolo Successivo

Caos procure, Cosimo Ferri si dimette dall’Anm. I probiviri dovevano giudicarlo per l’incontro con Palamara sulle nomine

next