Riccardo Scamarcio si è raccontato al Corriere della Sera a pochi giorni dall’esordio su Netflix (15 luglio) de “Gli infedeli” nel quale è attore, cosceneggiatore e coproduttore: “È il remake dell’omonimo film francese a episodi, solo che anziché farne 10 con sette registi diversi, ne abbiamo fatti cinque con un unico regista, Stefano Mordini, ispirati daI mostri di Dino Risi. L’intento era di fare un film comico e cattivo, che mettesse in luce personaggi estremi, raccontando il malcostume dell’infedeltà maschile. È una indagine sul tradimento degli uomini, con ironia, prendendoci un po’ in giro”, ha spiegato. E per quanto riguarda il tema “tradimenti”, lui che è stato per diversi mesi al centro del gossip per via del presunto flirt con Clizia Incorvaia, moglie di Francesco Sarcina e suo migliore amico, non si è lasciato andare: “Io cerco di evitarlo, sapendo che è un demone in agguato. In amore non bisogna mai dare nulla per scontato, bisogna stare attenti ai rapporti seduti, dove tutto sembra andare avanti grazie a una perfetta routine”. Scamarcio ha anche detto di aver voglia di famiglia ma in un modo controcorrente: “La voglio, la cerco, però la contesto, non mi va affatto di incancrenirmi sull’idea di famiglia, di “recitare” a tutti i costi quel ruolo lì. La famiglia non deve venire a costo di qualsiasi cosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paola Perego: “Sono andata dall’esorcista, sentivo che stavo morendo”

next
Articolo Successivo

Chi guadagna di più su Instagram: post pagati fino a un milione di dollari. Ecco la classifica

next