Yoko Ono ha 87 anni e vive sempre a New York. Un amico di famiglia di lunga data, Elliot Mintz, ha rivelato al New York Post le condizioni di salute della moglie di John Lennon, che ha bisogno di assistenza 24 ore su 24, ormai lascia raramente il suo appartamento a New York ed è costretta su una sedia a rotelle. Però “è ancora forte come una volta“, ha tenuto a specificare Mintz. Dal 2017 Yoko Ono è stata spesso vista su una sedia a rotelle e rimane chiusa nella sua casa di nove stanze, all’ormai celebre edificio residenziale Dakota di New York. Il figlio Sean va a trovarla tre volte a settimana e cena con lei.

Oggi Sean, avuto da John Lennon, ha 44 anni, ma c’è anche un’altra figlia, Kyoko, 56 anni, avuta da un precedente matrimonio con il produttore cinematografico Anthony Cox. Kyoko le è stata portata via all’età di otto anni quando, due anni dopo il divorzio del 1969, Cox ottenne la custodia della figlia. Madre e figlia si si sono poi incontrate dieci anni più tardi, poco dopo l’assassinio di Lennon di fronte al Dakota l’8 dicembre 1980. Mintz ha visto l’ultima volta Yoko Ono alla festa per il suo 87esimo compleanno con altri 30 ospiti, tra cui la cantante Cyndi Lauper e il co-fondatore della rivista Rolling Stone Jann Wenner.

Yoko Ono è nata in una famiglia di banchieri di Tokyo nel 1933 che però ha sofferto economicamente, durante la Seconda Guerra Mondiale. La sua famiglia ha cercato di sopravvivere in ogni modo, barattando addirittura oggetti preziosi per avere un po’ di cibo, tra i bombardamenti degli alleati. “Ricordo benissimo la fame, so benissimo cosa voglia dire essere affamati e quanto sia difficile”, ha dichiarato in un’intervista del 2013. Yoko Ono ha costruito un impero immobiliare e spesso dona denaro in beneficenza. All’inizio della pandemia a New York, la donna ha donato 250.000 dollari al Montefiore Medical Center nel Bronx per sostenere le persone che non avrebbero potuto permettersi le cure.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sophia Loren e le lacrime per Ennio Morricone: “Resto sempre più sola…”

next
Articolo Successivo

Pierluigi Diaco furioso: “Faccio i nomi dei mandanti del mio linciaggio: il delinquente, il servo e il rosicone uncino”

next