Il Doodle di Google oggi è dedicato a Marsha P. Johnson, un’attivista statunitense per i diritti LGBTQI+, nota per la sua partecipazione alle rivolte di Stonewall del 1969. Il 30 giugno è stato infatti scelto come data in cui ricordare Johnson, che proprio in questo giorno l’anno scorso ha ricevuto durante il pride di New York il riconoscimento postumo di “grand marshal” dell’evento, per esser stata colei che ha dato il via al movimento dei Pride.

Johnson nacque il 24 agosto del 1945 in New Jersey con il nome di Malcolm Michaels Jr. Nel 1963, dopo il diploma, si trasferì a vivere a New York, nel Greenwich Village, quartiere dove c’era una forte presenza della comunità LGBTQI+: lì iniziò ad essere una “drag queen” e cambiò legalmente il suo nome in Marsha P. Johnson, spiegando che la lettera P era una risposta a coloro che le chiedevano quale fosse il suo genere sessuale, “Pay It No Mind”, “Non pensarci”.

Durante gli anni in cui visse al Village divenne una delle drag queen più note della città e nel 1969 ebbe un ruolo cruciale nella rivolta di Stonewall, quella che prende il nome dall’omonimo locale del Greenwich Village frequentato inizialmente solo dalla comunità gay della città e successivamente aperto anche a persone trans e lesbiche. Era la notte tra il 27 e il 28 giugno del 1969, la polizia di New York fece irruzione nel bar: all’epoca era una cosa frequente dal momento che l’omosessualità era considerata un “comportamento deviato” ed era illegale in 49 stati americani.

Quella notte, però, molte persone si opposero all’arresto, e si scontrarono con la polizia. Nelle ore successive gli scontri divennero sempre più violenti e una folla di migliaia di persone si ritrovò davanti al locale per protestare. Le proteste continuarono a intermittenza per cinque notti consecutive, finché la situazione non si calmò. Oggi quella rivolta è considerata simbolicamente come il momento di nascita del Pride, l’Orgoglio omosessuale, celebrato ogni anno nel mese di giugno, e lo Stonewall Inn è diventato il primo monumento nazionale americano legato alla comunità LGBTQI+. Johnson è stata considerata da molti come una delle persone che diedero inizio alle rivolte, anche se lei ha sempre smentito questa ricostruzione, sostenendo di essere arrivata quando i disordini erano già iniziati.

L’anno seguente Johnson fondò insieme all’attivista Sylvia Rivera il movimento STAR (Street Transvestite Action Revolutionaries), la prima organizzazione negli Stati Uniti guidata da una donna trans e nera. Negli anni successivi ebbe diversi problemi di salute mentale, visse per strada prostituendosi, e il 6 luglio del 1992 il suo corpo fu trovato nel fiume Hudson. La polizia dichiarò la morte un suicidio, ma diverse persone hanno sostenuto nel corso degli anni che fosse stata uccisa. Nel 2012 l’attivista Mariah Lopez riuscì a far riaprire il caso della morte di Johnson, ma dopo le indagini iniziali la polizia di New York, in mancanza di prove, riclassificò la causa di morte come “sconosciuta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna il Pulcino Pio e “ha grandi progetti”. Non potete crederci? Nemmeno noi

next
Articolo Successivo

Pago derubato, lo sfogo sui social: “Bella Milano. Vado in palestra e poi a farmi benedire”

next