“Io sono nato bugiardo e ho scelto il mestiere della falsificazione programmatica”. Ricorrono vent’anni dalla morte di Vittorio Gassman. Ed eccolo ancora una volta il recupero fugace, il ricordo improvviso, i frammenti di cinema e delle apparizioni tv, in cui ricorre la sua straordinaria, dolente e sincera dualità personale e professionale. Gli applausi composti dai palchi in galleria per il bravo attore e le risate scomposte in platea per il guitto comico. L’apparente sicurezza dell’artista navigato e l’insicurezza dell’uomo intimamente fragile. L’aulica e impostata declamazione dei versi danteschi e il ribaltamento ironico dell’altrettanto impostata ed aulica lettura di un menù o degli ingredienti dei biscotti. Nello stesso film, il Sorpasso di Dino Risi, il gigioneggiare smargiasso e spaccone e il budino risucchiato in un sol boccone quando meno te lo aspetti. Le imbellettate interpretazioni ne Il deserto dei tartari, nei film di Altman ad Hollywood, del boss malavitoso in Sleepers e la memorabile e distruttiva sequenza comico surreale di Hostaria con Tognazzi ne I Nuovi Mostri. Infine, dalle manie di grandezza del “mattatore” alla composta autoderisione dell’uomo. L’ha spiegato perfino il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nelle scorse ore: “La forza della sua recitazione, frutto di impegno e di studio tenaci, si è unita a una straordinaria ecletticità: ne sono dimostrazione i numerosi e indimenticabili personaggi, drammatici o comici, a cui ha dato volto e voce in scena”. Gassman felice di interpretare finalmente una commedia – I soliti ignoti (1958) per Monicelli – dopo “30 film orrendi”. Gassman che ricorda l’origine della professione dell’attore di fronte ad Enzo Biagi: “Come da sua natura l’attore ideale è un misto tra una puttana e un sacerdote”. E ancora con Biagi fa riemergere la celebre tigna: “Fra i miei meriti potrei ascrivere una volontà un po’ discontinua, direi rabbiosa, non una volontà morale. Anche i miei nemici più cari me l’hanno riconosciuta, imputandola anche come difetto. Più che la volontà si tratta in gergo familiare e sportivo, della tigna”. O ancora in uno splendido programma del 1996, intitolato I Perdenti, confessa a Claudio G. Fava e Gloria De Antoni il suo grazioso fallimento cinquantennale: “Mi dichiaro perdente, ma aggiungo qualche aggettivo in quanto pur essendo un uomo fortunato che ha avuto anche successo, pur essendo bellissimo e forte, il meglio che ci possa essere, io sono stato bravo solamente nelle apparenze, nei decimali della vita, mentre nelle cifre intere mi sono sempre trovato impreparato”.

.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elettra Lambroghini, “2” in pagella al suo brano. Lei: “Lodate solo pezzi che non si in*ula nessuno”

next
Articolo Successivo

Bambino di 5 anni butta la gattina dal balcone e la uccide. Volontarie denunciano ma fermano l’odio social: “La prima vittima è lui”

next