Il Benevento di Pippo Inzaghi conquista la promozione in A con 7 giornate di anticipo, record assoluto nella storia della Serie B. Il traguardo arriva con la vittoria per 1-0 contro la Juve Stabia: gol di Marco Sau al 70′. Un obiettivo che solo la pandemia di coronavirus e tre mesi di lockdown hanno ritardato. Ora però è il momento dei festeggiamenti: la società, in collaborazione con le autorità locali, ha previsto un tour per le strade della città a bordo di quattro minibus scoperti con partenza dallo stadio, nelle speranza di evitare assembramenti.

Per i giallorossi e il presidente Oreste Vigorito è la seconda promozione nella massima serie dopo quella di tre anni fa, la terza in cinque anni se si considerano quelle dalla C alla B nel 2016 e dalla B alla A nel 2017. Un Benevento che punterà ora a chiudere la stagione battendo il record di punti per un campionato a 20 squadre, detenuto dall’Ascoli dal 1977/78. “Questa promozione è per tutte le persone che mi vogliono bene e per chi ha creduto in me. Ringrazio il mio staff, con loro la mia vita è più facile. Battere Simone? Adesso si penseremo”, è stato il primo commento di Pippo Inzaghi ai microfoni di Dazn dopo il fischio finale.

La marcia trionfale dei ragazzi di Inzaghi (23 vittorie, 7 pareggi e 1 sconfitta) è innanzitutto una rivincita: l’ex bomber era reduce dalla difficile stagione con il Bologna in Serie A, il Benevento dalla cocente eliminazione contro il Cittadella nei playoff dello scorso anno. Ora l’obiettivo di tecnico e società è quello di costruire una squadra in grado di resistere in Serie A e far dimenticare la deludente esperienza nella stagione 2017/2018. A questo stanno già lavorando da tempo sia il presidente Vigorito che il ds Foggia.

“Due anni fa non avevamo piena coscienza di quanto fosse difficile la Serie A, l’importante è capire gli errori da evitare. Con questi presupposti il Benevento ha la possibilità di diventare il Benevento e non l’Atalanta. I modelli perfetti non vanno imitati, ma superati“, ha detto Vigorito. Da tempo circolano i nomi più disparati per la prossima stagione, ma una cosa è certa: in panchina ci sarà ancora Inzaghi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olanda-Italia, rigori e sofferenza: vent’anni fa le parate di Toldo che gelarono Amsterdam e portarono gli azzurri in finale ad Euro 2000

next
Articolo Successivo

Benevento in A, così ha cannibalizzato un campionato facendo anche meglio della Juve

next