Che sui social network gli haters siano sempre in agguato non è una novità. Specialmente quando si tratta del corpo delle donne: troppo grassa, troppo brutta, troppo vecchia. È capitato anche a Heather Parisi, che lo scorso 27 gennaio ha compiuto 60 anni ed è stata presa di mira da un’utente perché “invecchiata”. La ballerina e showgirl però ha deciso di rispondere pubblicamente, con un lungo post su Instagram in cui parla della serena accettazione del tempo che passa: “È la consapevolezza che a renderci esseri unici è il nostro vissuto, non anonimi corpi di una bellezza stereotipata”.

Tutto nasce dal commento di un’utente, @SonyNapolitano, sotto una foto: “Come sei invecchiata, eri così bella…”. La Parisi allora ha deciso di postare uno screenshot della frase, accompagnata da un post in italiano e in inglese in cui si rivolge direttamente alla donna: “Hai ragione, il mio viso e il mio corpo sono molto cambiati dai tempi di Cicale e Disco Bambina. Sono molto cambiati anche da prima della mia ultima gravidanza a 50 anni. Oggi di anni ne ho 60 e la bellezza della mia gioventù sicuramente non mi appartiene più. Ma io, fin da principio, ho deciso che quella bellezza non l’avrei inseguita a ogni costo, che non avrei cercato di imbrogliare il tempo ricorrendo alla chirurgia“. Affermazioni che hanno suscitato un’ondata di apprezzamento di altre donne nei commenti: la ballerina statunitense ha esordito nella tv italiana giovanissima, alla fine degli anni ’70, diventando una presenza fissa di programmi come Fantastico. “E credimi – conclude – non cambierei mai il mio ‘essere invecchiata’ di oggi con la mia ‘bellezza’ di ieri, perché oggi ho molto più da raccontare e ho una serenità che non ho mai avuto“. Com’è finita? Che @sonynapolitano ha cancellato il suo profilo social.

Visualizza questo post su Instagram

???????? Cara @sonynapolitano … Hai ragione, il mio viso e il mio corpo sono molto cambiati dai tempi di Cicale e Disco Bambina. Sono molto cambiati anche da prima della mia ultima gravidanza a 50 anni. Oggi di anni ne ho 60 e la bellezza della mia gioventù sicuramente non mi appartiene più. Ma io, fin da principio, ho deciso che quella bellezza, non l’avrei inseguita a ogni costo, che non avrei cercato di imbrogliare il tempo ricorrendo alla chirurgia. La faccia della vecchiaia è un atto di verità e di umiltà al tempo stesso. È la consapevolezza che a renderci esseri unici è il nostro vissuto, non anonimi corpi di una bellezza stereotipata. E credimi, non cambierei mai il mio “essere invecchiata” di oggi con la mia “bellezza” di ieri, perché oggi ho molto più da raccontare e ho una serenità che non ho mai avuto. ???????? Dear @sonynapolitano … You are perfectly right about the change of my face & body from the times of Cicale & Disco Bambina. They have also changed from before my last pregnancy at 50 years old. Today I am 60 & the beauty from when I was an adolescent is long gone. Since Day 1, I decided never to chase that beauty, & that I wouldn’t try & cheat time, with plastic surgery. An older face is an act of truth & humility at the same time. It is also an awareness, that what makes each & every one of us unique, are our past experiences, and not anonymous bodies with a stereotyped beauty. Believe you, me, I would never change my “aging” of today with yesterday’s “beauty”, because today I’ve so many a thing to talk about and, a serenity in which I never had before. H* #heatherparisi #umberto #amolamiavita

Un post condiviso da Heather Parisi ???? (@heather__parisi) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profezia Maya, “Il calendario è stato letto male: la fine mondo sarà il 21 giugno 2020”

next
Articolo Successivo

Adriana Volpe nega la crisi di coppia ma la risposta del marito a una follower è tagliente

next