Sarà Raffaele Cantone a guidare l’inchiesta – e l’eventuale processo – su Luca Palamara e i rapporti tra magistrati e politica. L’ex presidente dell’Anticorruzione, infatti, è il nuovo procuratore di Perugia. Sulla scelta di affidargli le redini della procura titolare dell’inchiesta che ha terremotato il Csm, però, il plenum di Palazzo dei marescialli si è diviso. Il consigliere indipendente Nino Di Matteo ha definito “inopportuno” l’incarico di Cantone al vertice della procura umbra. Il motivo? Ha diretto l’Anac, incarico che è di natura politica. L’ex pm di Palermo ha votato insieme ala minoranza per Luca Masini, procuratore aggiunto a Salerno, che ha preso otto voti: quelli dei togati di Autonomia e Indipendenza e di Magistratura Indipendente. Si sono invece astenuti i togati “moderati” di Unità per la Costituzione. Dodici le preferenze per l’ex presidente dell’Anac: a suo favore hanno votato le toghe progressiste di Area e i laici di tutto lo schieramento politico. È la prima volta che durante questa consigliatura che tutti i consiglieri eletti dal Parlamento – e quindi in quota M5s, Lega, Pd e Forza Italia – convergono su un unico candidato.

Un particolare – quello dei sostegno politico bipartisan a Cantone- che ha provocato un’altra riflessione tra i corridoi del Consiglio superiore: con la riforma del Csm del ministro Alfonso Bonafede la nomina dell’ex presidente dell’Anac a procuratore di Perugia sarebbe stata impossibile. Al suo interno, infatti, la bozza di riforma prevede una norma che vieta a chi è stato fuori ruolo di candidarsi a incarichi direttivi per i due anni successivi. Cantone ha lasciato l’Anticoruzzione nel settembre scorso: prima dell’ottobre 2021 non potrebbe concorrere per la guida di alcun ufficio. La riforma Bonafede, però, non è ancora stata approvata: Cantone, dunque, può prendere il posto di Luigi De Ficchy, andato in pensione lo scorso anno. Quindi per nominare il procuratore capo che dovrà indagare sulle imbarazzanti trame del mondo della magistratura, il Csm ha eletto un magistrato che con la nuova riforma – creato proprio per cancellare gli eventuali imbrarazzi del futuro – non sarebbe stato eleggibile. E lo ha fatto col voto fondamentale e bipartisan di tutti i consiglieri eletti dalla politica.

In questo senso un peso specifico nel dibattito al Csm lo ha giocato anche il fatto che la procura umbra è competente dei reati contestati ai magistrati romani. Primo tra tutti Palamara, simbolo dei legami tra toghe e politica e indagato principale dell’inchiesta nomine che ha terremotato il Csm. Le chat e le intercettazioni di Palamara, in cui il magistrato parlava anche con Luca Lotti delle nomine ai vertici delle procure, sono state citate durante il dibattito a Palazzo dei Marescialli. Il presidente della Commissione Direttivi Mario Suriano, della corrente “di sinistra” Area, era il relatore della proposta su Cantone: “Non si può dubitare della indipendenza di Cantone. Dalle chat – ha detto riferendosi a quelle emerse nell’inchiesta – vediamo che Cantone non doveva andare a Perugia secondo persone vicine al presidente del Consiglio che lo nominò all’Anac”. Gli replica a stretto giro di posta Piercamillo Davigo, relatore della proposta a favore del candidato di minoranza: “Di Masini nelle chat non si parla proprio e questo è ancora meglio“.

Ma è l’indipendente Di Matteo a ribaltare le argomentazioni di Suriano e a richiamare l’inchiesta di Perugia come ostacolo alla nomina di Cantone: “Ritengo che non sia opportuno che Cantone vada a dirigere proprio quella procura che è competente su ipotesi di reato commesse dai colleghi che lavorano negli Uffici di Roma e che possono investire procedimenti che a vario titolo riguardano i rapporti tra magistrati e politici vicini o appartenenti alla stessa compagine politica decisiva per la nomina all’Anac”. Il riferimento diretto dell’ex pm di Palermo è evidentemente anche al caso di Palamara.
Di Matteo, pur manifestando la sua stima nei confronti di entrambi i candidati, non nega che Cantone all’Anac “abbia perfezionato la propria professionalità in materia di contrasto alla corruzione, se non altro attraverso i rapporti con le procure”, ma il punto è che “noi abbiamo il dovere di decidere in funzione dell’esigenza di garantire nei confronti dei cittadini l’apparenza di imparzialità. Io – ha spiegato – avrei sostenuto la candidatura di Cantone a una Procura diversa, ma non a Perugia. L’incarico all’Anac ha una fortissima connotazione politica, una connotazione che si è perfino accentuata, almeno quanto alla sua apparenza, quando per più volte Cantone è stato indicato come possibile premier della nuova compagine governativa”. Di Matteo ha poi sottolineato che il testo unico sulla dirigenza giudiziaria esige una “prudenziale” valutazione degli incarichi fuori ruolo “in modo che mai possa ingenerarsi nell’opinione pubblica il sospetto di mancanza di imparzialità“. Per questo Di Matteo ha sostenuto Masini “che ha sempre saputo coltivare il valore della indipendenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Venezuela, presunto finanziamento al M5s nel 2010: la procura di Milano apre fascicolo conoscitivo. Verifiche su autenticità del dossier

next