Il sindacalista dell’Usb Aboubakar Soumahoro, da anni impegnato nelle battaglie per i diritti dei braccianti e dei lavoratori delle campagne, si è incatenato questa mattina nei pressi della sede degli Stati Generali e ha iniziato uno sciopero della fame. La protesta, fa sapere il sindacato, “andrà avanti finché il governo non ascolterà il grido di dolore degli invisibili e degli esclusi, come i braccianti dimenticati dalla cosiddetta regolarizzazione prevista nel decreto Rilancio”. Gli stessi “che a giugno hanno visto morire Mohamed Ben Ali, nell’incendio della sua baracca a Borgo Mezzanone, e Adnan Siddique, ucciso dai caporali a Caltanissetta”. Al Governo riunito in questi giorni a Villa Pamphili, Soumahoro chiede risposte su 3 proposte. Il primo punto riguarda la riforma della filiera agricola, pensata in modo da “liberare gli agricoltori e i braccianti dallo strapotere dei giganti del cibo che favoriscono il caporalato”. Il secondo tocca invece le politiche migratorie, con la richiesta di cancellare gli accordi con la Libia e i decreti sicurezza. Infine la proposta di un “Piano nazionale emergenza lavoro per assorbire tutte le persone che hanno perso e che rischiano di perdere il posto per questa emergenza sanitaria”. Soumahoro è a Villa Pamphili insieme a una delegazione di braccianti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, Conte: “L’investitore pubblico sarà Invitalia. Il piano di ArcelorMittal? Assolutamente Inaccettabile”

next
Articolo Successivo

Cassa integrazione, la tabella dell’Inps non dice tutto sui pagamenti arretrati. “Ma dietro i ritardi c’è un sistema barocco che va riformato”

next