Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Andrea Taffi

C’è una parola che esprime forza, fermezza, ma anche pacatezza, tranquillità. Una parola che talvolta è abusata, mal impiegata, persino inappropriata. Quella parola è dignità. La dignità è uno stato dell’animo, un sentimento che può anche ingannare; già, perché sembra facilmente riconoscibile: quando qualcuno la vuole esprimere, quando si atteggia a farlo, tutti noi (a prima vista) gliela riconosciamo, quella dignità, gliela vediamo dipinta in volto, gliela percepiamo nel tono della voce. Eppure non è così, e ce ne accorgiamo solo quando la dignità la percepiamo veramente, quando ne vediamo il vero volto, quando ne ascoltiamo la vera voce.

A me tutto questo è successo quando, in televisione, ho sentito le parole della mamma e del babbo di Giulio Regeni, intervistati da Diego Bianchi (in arte Zoro) nel corso della sua trasmissione “Propaganda live” in onda su La 7. Devo dire la verità: non la stavo guardando, quella trasmissione, la stavo sentendo, mentre, in una stanza di casa mia vicina a quella dove si trova il televisore, stavo lavorando al computer.

Ho sentito quelle parole di Paola e Claudio Regeni, quella dignità della quale erano espressione, e mi sono alzato, sono andato davanti al televisore e, in piedi (in piedi), ho ascoltato quello che stavano dicendo. Parole, precise e pesantissime, di una mamma e di un babbo di un ragazzo, cittadino italiano, torturato, ucciso e gettato per strada, quattro anni e mezzo fa, dalla polizia di uno stato (autoritario), l’Egitto, uno Stato al quale lo Stato italiano (lo stesso di Giulio Regeni) ha venduto due navi da guerra, compravendita che, peraltro, è una parte di una commessa militare più ampia e molto remunerativa.

“Traditi dal fuoco amico”, questo hanno detto Paola e Claudio Regeni. E lo hanno detto con una pacatezza, una tranquillità, ma anche una forza che, io, al posto loro, non avrei saputo esprimere. Io avrei espresso solo disprezzo per un potere che si nasconde, e rabbia, tanta rabbia. Anche loro, la mamma e il babbo di Giulio Regeni, l’avevano quella rabbia, ma la loro monumentale dignità l’ha placata, ha placato tutto il resto.

Quando i genitori di Giulio Regeni hanno finito il loro intervento e la trasmissione di Diego Bianchi è continuata, io sono rimasto in piedi, fermo, davanti al mio televisore, e mi sono vergognato. Sì, vergognato. E non sarà certo la ragion di Stato; non saranno gli interessi economici e politici internazionali, le relazioni diplomatiche che sembrano stare sopra ogni cosa; non saranno le resistenze delle autorità egiziane, le loro menzogne a farmela passare quella vergogna, a darmi il pretesto per metterla da parte.

Una cosa sola me la farà passare: la verità. Una verità sulla morte di Giulio Regeni che, mio caro Stato italiano, non saranno certo le commesse militari o qualsiasi altro affare con l’Egitto a far venire fuori.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perché rimuovere la statua di Indro Montanelli non ha senso e sarebbe un pericoloso errore

next